Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Lunedì, 20 Maggio 2019

Contro le avventure militari della borghesia italiana (2006)

Dunque, sono partiti i soldatini: un’altra missione di pace in giro per il mondo, per andare – il cuore in mano – ad aiutare i deboli e i bisognosi… un vero popolo di poeti, di santi e di navigatori. Siamo ormai a questi livelli.
Noi non la pensiamo così. Da comunisti, noi pensiamo che, nell’epoca dell’imperialismo, ogni “missione all’estero” sia una missione di guerra. Imperialismo significa infatti accresciuta competizione internazionale, acuite guerre commerciali, esportazione di capitali che entrano inevitabilmente in conflitto gli uni con gli altri, controllo delle sorgenti di materie prime e delle loro vie di trasporto e dunque tentativo di escluderne i concorrenti, fino all’esplodere incontrollato di conflitti prima locali e poi, in prospettiva e in presenza di condizioni materiali favorevoli e necessarie, mondiali. E’ quello che sta succedendo da decenni (da quando cioè sulla scena del capitalismo mondiale si è ripresentata con violenza una nuova crisi economica di sovrapproduzione), e che riguarda innanzitutto la fascia che dai Balcani abbraccia il Medio Oriente fino all’Afghanistan e al Pakistan: crocevia di commerci più o meno leciti e legali (armi e droga), di vitali corridoi commerciali, di oleodotti e gasdotti, di campi petroliferi e sorgenti d’acqua, su cui da sempre (dall’inizio del ‘900) l’imperialismo ha allungato occhi e zampe – prima quello inglese e quello francese, poi quello americano e israeliano, senza dimenticare quello tedesco, russo, cinese... E italiano, che nell’area di interessi ne ha parecchi, e non da oggi: e che comunque vuole (deve, sotto la spinta della crisi economica) cercare di ritagliarsi una sua propria fetta di autonomia e presenza.

Noi dunque pensiamo, da comunisti, che la “missione di pace” che vede il contingente italiano in prima linea e con posizioni direttive all’interno della forza Unifil sia una missione di guerra, in cui si intrecciano miserabile obbedienza all’imperialismo più forte (quello americano) e necessità di rivendicare sciovinisticamente un posto di riguardo al banchetto dei ladroni imperialisti. Come in Afghanistan, come in Iraq. Le prossime settimane e i prossimi mesi lo renderanno sempre più evidente, mentre ci si incammina giorno dopo giorno sulla via che conduce – sia pur non nell’immediato – verso un nuovo conflitto mondiale. A farne le spese sono e saranno ancora una volta i proletari di tutti i paesi, le masse povere e diseredate.
Da comunisti, quale deve essere la risposta?

  • Rifiuto di appoggiare qualunque avventura militare, comunque mascherata, della borghesia del proprio paese

  • Rifiuto di accettare sacrifici “in difesa dell’economia nazionale”, che è sempre e comunque economia del capitale, e dunque sfruttamento all’interno come all’esterno

  • Organizzazione per difendere le condizioni di vita e di lavoro dei proletari, fuori e contro partiti e sindacati che da mezzo secolo ormai non rappresentano più gli interessi operai

  • Ritorno deciso ai metodi e agli obiettivi dell’aperta lotta di classe, rompendo con ogni logica di concertazione e pace sociale

  • Lavoro per la rinascita, l’estensione, il radicamento del partito rivoluzionario mondiale.

Anche “episodi” come questo, e soprattutto i molti e sempre più gravi che seguiranno, dimostrano che il modo di produzione capitalistico è giunto ormai da un secolo al capolinea; che questa sua lunga agonia è solo distruttiva e lo diviene di più ogni anno che passa (si pensi anche solo a che cosa è stato l’ultimo quindicennio!); che è dunque necessario dargli il colpo di grazia, per giungere finalmente, attraverso la presa violenta del potere e l’instaurazione della dittatura proletaria dirette dal partito comuniste, alla società senza classi, al comunismo.

 

Partito comunista internazionale
(il programma comunista)

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Berlino: 14/05/2019, ore 19, Blauer Salon im Mehringhof (Hinterhof), Gneisenaustr. 2a, Berlin-Kreuzberg, Incontro pubblico sul tema: “EU-Wahlen und die Illusion eines vereinten Europa – Wie sieht eine internationalistische Gegenposition aus?
  • Torino - 25/05/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'