Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Giovedì, 22 Agosto 2019

No alle avventure militari della “nostra” borghesia!

Contro le dilaganti guerre inter-imperialiste, ripresa della lotta e dell'organizzazione di classe, rafforzamento e radicamento del partito rivoluzionario!

Gli interventi militari condotti dalle varie borghesie nazionali si moltiplicano e s'intensificano, massacrando intere popolazioni e devastando aree sempre più ampie. La crisi economica (di sovrapproduzione di merci e capitali) è alla base di queste dinamiche. Sotto la sua pressione crescente, le borghesie nazionali sono costrette a confrontarsi – per spartirsi e ripartirsi zone d'influenza geo-strategica, per difendere o conquistare giacimenti di materie prime, per controllare le moderne “vie della seta”: oleodotti, gasdotti, condutture d'acqua... Per dividere e comandare. Dalla fine del secondo macello imperialista mondiale, i cannoni non hanno mai taciuto, a riprova del fatto che il modo di produzione capitalistico, specie nella sua fase imperialista, è uno stato di guerra permanente, sia fra economie inevitabilmente concorrenti sia contro il proletariato. Dalla metà degli anni '70 del '900, quando s'è aperta la fase di più acuta crisi economica a chiusura del ciclo di accumulazione post-bellico, le guerre inter-imperialiste sono divenute più aspre, distruttive e diffuse, e preludono, quando le condizioni oggettive lo imporranno, allo scatenamento di un nuovo sanguinoso conflitto mondiale. Oggi, l’intera fascia che dal nord-Africa giunge all’India attraverso il Medio Oriente e si spinge verso il Mar Giallo e il Mar del Giappone è un unico campo di battaglie sanguinose o un luogo dove s’accumulano spaventose tensioni esplosive.

I proletari di tutti i paesi, sotto attacco da ogni lato per ciò che riguarda le loro condizioni di vita e di lavoro (disoccupazione, precarietà, ritmi selvaggi, marginalità economica e sociale, miseria crescente, tragiche migrazioni causate da guerre e squilibri produttivi), non devono e non possono cadere nel tranello, sempre più evidente, dell'“appoggio alla propria borghesia”, della “difesa dell'economia nazionale”, del “sostegno allo sforzo bellico”, e via dicendo. Devono al contrario ricominciare a riconoscersi come forza antagonista rispetto alla classe dominante e alle sue necessità, allo Stato che ne difende armi alla mano la sopravvivenza e ai sindacati di regime che di quello Stato sono divenuti colonna portante – unica forza che possa davvero bloccare gli sforzi militari della “propria” borghesia. Devono riprendere la strada della lotta di classe aperta, che colpisca il padronato là dove esso è più sensibile, il profitto, riappropriandosi delle armi classiche della lotta proletaria: scioperi sempre più estesi e coordinati, organizzazioni territoriali unitarie, sempre più stabili e allargate. Devono superare e cancellare tutte le divisioni create ad arte al loro interno: età, sesso, occupazione, nazionalità, religione, lingua, ecc.; ma anche localismo e corporativismo, chiusura entro la galera del posto di lavoro, illusioni democratiche e parlamentariste, riformiste e “gestionarie”; e razzismo, arma tremenda rivolta contro gli stessi proletari.

Soprattutto, devono comprendere (e la realtà è sotto gli occhi di tutti) che l'impossibilità delle borghesie nazionali di risolvere i loro problemi socio-economici con altri strumenti che non siano la guerra, il massacro, la devastazione, la repressione anti-proletaria è il segno che questo modo di produzione è giunto da parecchio tempo ormai al capolinea. Mantenerlo ancora in vita, illudendosi che esso possa essere diverso da quello che è, significa farsi complici di quelle stesse guerre, di quei massacri, di quelle devastazioni, di quella repressione – di una lunghissima, oscena agonia, che va fermata, comprendendo con lucida passione la necessità irrimandabile di por fine alla preistoria umana, alla società divisa in classi. Contro ogni forma, anche velata, di nazionalismo, bisogna riprendere la strada dell'internazionalismo proletario: ed esso implica necessariamente il rafforzamento e il radicamento a livello mondiale del partito rivoluzionario, guida indispensabile per l'assalto al potere borghese e l'instaurazione della dittatura proletaria, come ponte di passaggio, finalmente, alla società senza classi, al comunismo.

(8/3/2016)

No alle avventure militari della “nostra” borghesia!

 

Partito comunista internazionale

(il programma comunista – the internationalist – cahiers internationalistes)

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino,  Prossimo incontro a Torino 13-07-2019, dalle 13,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34
  • Bologna- 16/06/2019 , dalle 10,00 alle 13,00 Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la Casa del Popolo "20 Pietre" - via Marzabotto, 2, 40133 Bologna
  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'