Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Giovedì, 21 Marzo 2019

La vera causa della tragedia che ci colpisce è il modo di produzione capitalistico

 

Proletari! Compagni!

Ormai da più di sei anni, la crisi economica mondiale colpisce la nostra classe imponendo un costante peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro. Nei paesi di più antica industrializzazione, fra cui l'Italia, un numero crescente di lavoratori è condannato a ritmi di lavoro sempre più estenuanti e a una costante perdita del potere d'acquisto dei salari, mentre aumenta la parte che si dibatte nella girandola infernale di disoccupazione, precariato ed emarginazione. Nei paesi di più recente industrializzazione e di massiccia proletarizzazione (Cina, India, Brasile, Sudafrica, Bangladesh, tanti altri), i frenetici ritmi di sviluppo hanno spinto ampi gruppi di proletari, in situazioni di sfruttamento selvaggio, a scioperi combattivi, convocati senza alcun preavviso e condotti a oltranza, talvolta su un arco temporale che si misura in settimane o addirittura in mesi – scioperi di cui noi proletari d’Occidente ben poco veniamo sapere. Intanto, la contesa per i mercati si fa sempre più agguerrita e sempre più feroce diventa la lotta fra briganti imperialisti per la spartizione dei mercati e l’appropriazione di plusvalore. L’approfondirsi stesso della crisi sistemica del modo di produzione capitalistico porrà le basi oggettive per l’unione al di là delle frontiere nazionali della nostra classe, che è una classe mondiale.

 

 

Per molti anni, siamo rimasti schiacciati sotto il giogo del controllo sociale esercitato da partiti di destra e di sinistra e organizzazioni sindacali di regime, inquadrati sotto la bandiera dell'interesse nazionale. Tuttavia, da qualche tempo, arrivano isolati segnali di risveglio da parte del proletariato, con in prima fila quello immigrato, che non ha paura di scendere in strada per rivendicare il miglioramento generale delle proprie condizioni di vita e di lavoro. Ma di fronte a questi generosi esempi di lotta, portati avanti da ancor deboli avanguardie, si erge la muraglia degli apparati e degli organi posti a difesa del regime basato sullo sfruttamento, primi fra tutti gli attuali sindacati diventati espressione dello Stato capitalista i quali hanno sostituito alle rivendicazioni economiche necessarie (salario, riduzione dell'orario e sicurezza sui posti di lavoro) la paccottiglia dei “diritti”, della “democrazia”, della “pace sociale”, dell'”interesse nazionale”. Questi sindacati nemici dei lavoratori, fra cui un caso esemplare è rappresentato dalla triplice Cgil, Cisl e Uil, deviano la nostra giusta rabbia verso obiettivi estranei ai nostri interessi immediati. Lavorando per gli interessi della classe dominante, essi svolgono una funzione non dissimile dagli altri organi dell'apparato dello Stato borghese: privare la nostra classe della fiducia in se stessa condannandola all'immobilismo più deprimente, attraverso l'inazione più totale o, peggio ancora, allo stanco rituale di scioperi ammaestrati della durata di poche ore, il più delle volte per falsi obiettivi.

 

Proletari! Compagni!
Il sindacalismo cosiddetto di base, nato dalla giusta esigenza di uscire dall'asservimento alle compatibilità del sistema capitalistico al quale i sindacati ufficiali hanno condannato i lavoratori, da quando ha mosso i primi passi non è ancora riuscito a orientarsi davvero verso la riorganizzazione di organismi che abbraccino tutti i lavoratori al di là delle singole categorie e siano in grado di lottare per gli interessi di tutta la nostra classe. In molti casi, prevalgono ancora atteggiamenti meschini imbevuti di retorica democratica e comportamenti corporativi, che si rivelano perlopiù incapaci di esprimere una prospettiva efficace di lotta.

Alla nostra classe non resta allora che dotarsi di una tattica che le consenta di rendere più efficaci le rivendicazioni attraverso le quali si dovrà indirizzare l'inevitabile ripresa delle lotte. I suoi punti salienti dovranno essere:

- Estendere e unificare le lotte, operando per la creazione di organismi territoriali di difesa economica e sociale, aperti a tutti i lavoratori, di ogni condizione
- Rivendicare forti aumenti salariali
- Rivendicare il salario integrale ai disoccupati, ai cassaintegrati e agli immigrati a carico dello Stato borghese e del padronato
- Rivendicare drastiche riduzioni dell’orario di lavoro a parità di salario 
- Riappropriarsi dell’arma dello sciopero, che deve cessare d’essere un rito innocuo e tornare a essere uno strumento per colpire gli interessi padronali
- Rifiutare ogni tentazione nazionalistica con cui la classe dominante di ogni paese cercherà di schierare i proletari gli uni contro gli altri.

Proletari! Compagni!

La vera causa della tragedia che ci colpisce è il modo di produzione capitalistico. Esso va abbattuto insieme alla dominante classe borghese e sostituito dalla dittatura del proletariato che, sotto la guida del partito comunista, dovrà trasformare l'economia capitalistica in un'organizzazione sociale fondata sui bisogni della specie umana e non sulle leggi del profitto. A questa prospettiva lavora il Partito comunista internazionale, per il cui rafforzamento e radicamento internazionale i proletari più combattivi dovranno operare.

Partito comunista internazionale (il programma comunista)

 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Fotocopiato in proprio. Supplemento al n.5/2013 de “il programma comunista”

International Press

 

            pc012019        

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino - 23/03/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'