Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Mercoledì, 16 Gennaio 2019

La rivolta operaia nei cantieri navali è solo l’annuncio della guerra di classe

Proletari, compagni!

Un’altra “dichiarazione di guerra”, dopo quella della Finmeccanica, è venuta dalla Fincantieri. Ha seguito lo stesso copione: ovvero l’attacco spietato che da anni viene scatenato in ogni settore produttivo, in ogni ambito pubblico o privato, cooperativo o precario, contro le condizioni di vita e di lavoro della nostra classe. Non c’è stato scampo: dai metalmeccanici ai lavoratori dei cantieri navali, dagli edili ai lavoratori del commercio, la condizione operaia è stata colpita in modo micidiale senza una risposta proporzionale – solo scioperi farsa, scioperi preavvisati, spezzettati, articolati da parte delle cosiddette organizzazioni sindacali, da anni sotto paga dei padroni e dello Stato.

Così, secondo il piano di licenziamenti, altri 2551 lavoratori di Sestri Ponente, di Castellammare di Stabia, di Riva Trigoso, e di conseguenza altre migliaia nell’indotto, si sarebbero dovuti andare ad aggiungere alle schiere dei milioni di disoccupati, in cassa integrazione, all’esercito crescente di lavoratori messi fuori produzione per le esigenze del profitto d’impresa, se… se i proletari non avessero risposto allo stato di guerra dichiarata. Occorreva dare un segnale e questo segnale è partito, per tutta la classe e non solo per i lavoratori dei cantieri navali. La vergognosa conduzione sindacale dei licenziamenti, dei contratti peggiorativi dei metalmeccanici a Termini Imerese, a Pomigliano, a Mirafiori, con l’esplicito consenso di Cisl e Uil e con le farse dei referendum della Fiom, è stata così messa sotto i piedi: la rivolta è la dimostrazione che si può andare oltre, che si possono scavalcare gli istigatori del crumiraggio e della resa, è la dimostrazione che si può fare da sé con la propria determinazione e il proprio coraggio, che si può ottenere con la lotta ad oltranza ciò che anni di delegazioni comunali, regionali, sindacali e politiche hanno impedito (perché questo è il loro scopo). La pazienza è saltata, la rabbia ha finalmente preso il posto della rassegnazione e della solitudine a cui sono condannati i lavoratori quando si affidano ad avvocati, carte bollate, monti di pietà istituzionali.

Proletari, compagni!

La strada della lotta è l’unica che consente di andare a testa alta, di ritrovare la fiducia nelle proprie forze, di andare verso quell’organizzazione coesa e durevole che può sfidare qualsiasi attacco. L’azione di lotta, la rivolta spontanea ai danni del Comune e della Prefettura quali rappresentanti della direzione politica e repressiva, è solo un segnale diretto verso il futuro. Esso è stato immediatamente accolto anche dai lavoratori di Palermo, Ancona, Monfalcone, Porto Marghera, Trieste. E questa è già una vittoria: i lavoratori si sono riconosciuti in una classe, che ha gli stessi interessi immediati (quelli di sopravvivere oltre il profitto), hanno afferrato immediatamente che non la produzione a tutti i costi deve decidere della loro vita, che i licenziamenti, aumentando la produttività, decidono l’aumento dell’orario di lavoro, dei ritmi, della condizione di insicurezza, della precarietà dell’esistenza, che la concorrenza spietata tra aziende a livello internazionale nei cantieri navali (Corea del Sud, Taiwan, Germania, ovunque) produce solo la nostra miseria e la loro ricchezza. La via non deve essere quella dei licenziamenti, ma della drastica diminuzione dell’orario di lavoro a parità di salario. Questa riduzione è assente ormai da un secolo dalle rivendicazioni operaie, e deve tornare a esserne al centro, per la nostra stessa sopravvivenza.

Proletari, compagni!

Per condurre una simile guerra di classe occorre però una forza coordinata straordinaria, un esercito di lavoratori disciplinato, diretto da un’avanguardia di classe, che abbia memoria delle poche vittorie e delle innumerevoli sconfitte.

Noi comunisti internazionalisti siamo quell’avanguardia. Non abbiamo mai smesso di indicare ai lavoratori la via della lotta di classe aperta e i metodi e gli obiettivi che le sono propri da centocinquant'anni: sciopero generale a oltranza, senza preavviso e senza limiti di tempo e spazio; rifiuto organizzato di ogni discriminazione in base a età, sesso o nazionalità; riduzione drastica dell'orario di lavoro a parità di salario; forti aumenti salariali, maggiori per le categorie peggio pagate; salario pieno a disoccupati, licenziati e immigrati; rifiuto organizzato di ogni forma di lavoro precario o in nero; lotta a ogni concertazione, compatibilità e sacrificio in nome dell’economia e degli interessi nazionali.

Noi comunisti internazionalisti sappiamo, perché la storia ce lo insegna, che verrà il momento in cui la nostra classe comprenderà che la difesa delle proprie condizioni di vita e di lavoro non può bastare e che è indispensabile, anche per evitare il massacro, passare al contrattacco: dalla quotidiana guerriglia economica all’autentica guerra di classe, che è guerra politica per la conquista del potere. Questa lotta sarà attuabile solo sotto la guida di un organo specifico che è il partito di classe, il nostro partito, l’unico che, nel corso dei decenni e di fronte alla controrivoluzione democratica, nazifascista e stalinista, abbia saputo mantenere fermi i principi che da sempre distinguono i comunisti da tutti gli altri: la lotta senza quartiere alla società del profitto e del capitale, l’internazionalismo, la necessità della violenta rottura rivoluzionaria e della presa del potere.

 

Partito Comunista Internazionale
              
                                                                  (Supplemento al n°03/2011 de " Il programma Comunista")

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino - 26/01/2019, alle 14.45, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Roma - 24/11/2018, alle 17, presso la libreria Odradek, in via dei banchi vecchi 57: "Comunisti esploratori del domani !".

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'