Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Giovedì, 23 Maggio 2019

Per gli arresti dell'11 Marzo: Chi è il nemico? (2006)

Per difendere efficacemente gli arrestati dell’11 marzo a Milano, come tutte le vittime della repressione operata dallo Stato borghese attraverso tutti i suoi strumenti, legali e illegali, è necessario far salvi alcuni punti di principio irrinunciabili.

L’attacco anti-proletario non è condotto da quattro fascistelli che fanno la voce grossa con tanto di folklore di bandiere, canti e gagliardetti. L’attacco anti-proletario è condotto, oggi come ieri come domani, dallo Stato del capitale in tutte le sue forme e diramazioni. Il fascismo non è espressione di questa o quella formazione politica organizzata: è espressione del regime borghese nella sua fase imperialistica, e i regimi usciti vittoriosi dal secondo massacro mondiale interimperialistico hanno ereditato, sotto un’apparenza democratica sempre più illusoria, tutta la sostanza dei regimi fascisti sconfitti: tanto per non andar lontano, si pensi agli Stati Uniti d’America.

Limitarsi a proclamare “i fascisti non devono sfilare a Milano” e dunque scendere in piazza per impedirlo significa non aver compreso nulla della dinamica storica, non comprendere chi è il nemico antiproletario, e bruciare così energie che andrebbero invece organizzate e dirette in un’autentica lotta proletaria, di classe e anticapitalistica.

Come scrivevano i nostri compagni nel 1944, “Solo la lotta totale, spietata, contro il capitalismo, contro ogni sua manifestazione, ed in particolare contro la guerra che del capitalismo è la estrema, più iniqua e barbara manifestazione, garantisce la serietà e la concretezza della lotta contro il fascismo mussoliniano di oggi e il fascismo democratico di domani”.

Sessant’anni dopo, la consegna rimane la stessa. Difendersi dall’attacco anti-proletario condotto da tutte le forze borghesi, legali e illegali, ieri come oggi, vuol dire dunque prepararsi all’attacco, preparare le forze soggettive in grado, quando la situazione oggettiva lo permetterà e lo richiederà, di porsi alla testa degli episodi isolati o diffusi, individuali o collettivi, di ribellione all’oppressione borghese, per unificarli e dirigerli contro il baluardo del capitale, il suo Stato, per distruggerlo e sulle sue macerie istituire la dittatura del proletariato come ponte di passaggio verso la società senza classi. Vuol dire preparare nell’oggi la rivoluzione comunista di domani. Ciò significa non disperdere forze giovani in inutili “ginnastiche antifasciste”, ma lavorare pazientemente alla rinascita di un vero fronte proletario di difesa delle condizioni di vita e di lavoro, entro cui si ponga anche e in maniera senza dubbio urgente il problema della difesa dei proletari e della avanguardie di lotta colpite dalla repressione borghese.  Tale fronte di lotta deve tornare a mettere al centro della propria azione metodi e rivendicazioni squisitamente di classe, trascurati e dimenticati sia dagli opportunisti sia dall’estremismo parolaio e pasticcione. Tutto ciò significa poi principalmente lavorare alla riorganizzazione e al radicamento nella classe lavoratrice del partito rivoluzionario, inascoltato da troppo tempo, alla scala storica mondiale, come forza organizzata e operativa.

A questo noi lavoriamo (e a questo vi invitiamo a lavorare), senza illuderci che il lavoro minimale e controcorrente che si può svolgere oggi possa dare risultati rapidi o appariscenti, ma convinti che saremo il futuro che sapremo preparare a noi e al proletariato mondiale.

                                                        

                                                                                                                   Partito comunista Internazionale

                                                                                                                      (Il programma comunista)             

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).
  • Berlino: 14/05/2019, ore 19, Blauer Salon im Mehringhof (Hinterhof), Gneisenaustr. 2a, Berlin-Kreuzberg, Incontro pubblico sul tema: “EU-Wahlen und die Illusion eines vereinten Europa – Wie sieht eine internationalistische Gegenposition aus?
  • Torino - 25/05/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'