Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Giovedì, 23 Maggio 2019

1° Maggio: Perché torni a essere una giornata di lotta classista e internazionalista (2007)

 

Proletari!Compagni!

Trent’anni fa, alle prime avvisaglie di una crisi economica mondiale destinata a chiudere il ciclo espansivo del secondo dopoguerra, le borghesie di tutto il mondo, con il valido sostegno di partiti opportunisti e sindacati collaborazionisti, inauguravano la “politica dei sacrifici”. In nome e per il bene dell’economia nazionale, i proletari dovevano rinunciare alle “conquiste” strappate con la lotta nei decenni in cui “l’economia tirava”: in soldoni, dovevano stringere la cinghia e rimboccarsi le maniche, lavorare di più e portare a casa di meno, andare in pensione più tardi e con un’autentica miseria... Il tutto, in attesa che tornasse il sereno. Sono passati trent’anni e il sereno non è mai tornato. Anzi: le economie di tutto il mondo continuano ad avvitarsi in una crisi profonda cui non danno tregua le pause momentanee, le illusorie riprese dell’anno x e y, le promesse di questo o quel governo. L’instabilità del modo di produzione capitalistico ha raggiunto livelli che le anime belle pensavano relegati in un passato lontano e dimenticato. Le fibrillazioni e i terremoti sempre più vasti e profondi si traducono in devastanti guerre locali per il controllo di aree strategiche o ricche di materie prime o destinate al loro scorrimento verso i gangli vitali delle principali potenze economiche – guerre che avvicinano sempre più una nuova conflagrazione mondiale, come i comunisti rivoluzionari hanno sempre sostenuto fin dalla fine della Seconda guerra mondiale. Dunque, la “politica dei sacrifici” da un lato ha colpito con violenza i proletari di tutti i paesi, peggiorandone le condizioni di vita e di lavoro; dall’altro, non ha fatto che aggravare ulteriormente la crisi e avvicinare il momento della resa dei conti militare – passaggio inevitabile per il modo di produzione capitalistico fondato sulla concorrenza, sulla competizione, sull’estrazione di plusvalore, sulla guerra di tutti contro tutti. Ma quest’attacco anti-proletario viene sempre più condotto anche sul piano poliziesco e ideologico. La borghesia sa molto bene, per esperienza storica, che, non importa quanti sforzi faccia per cancellarlo e dimenticarlo, il suo grande nemico è sempre lì, di fronte a lei, e si chiama “comunismo”. La “politica dei sacrifici” s’è dunque accompagnata a un’opera di aperto terrorismo e violenta intimidazione, per isolare e colpire chiunque si muovesse (anche solo tendenzialmente) al di fuori del quadro di riferimento democratico-borghese. Gli autoferrotranvieri che scendono in sciopero selvaggio vengono denunciati, processati e multati; i ferrovieri che denunciano le condizioni impossibili in cui lavorano vengono licenziati; altre categorie di lavoratori che fanno sentire la propria voce (come già alla FIAT di Melfi) vengono marginalizzati e penalizzati, espulsi dal sindacato o licenziati; e gli esempi potrebbero continuare, riferiti all’Italia come al mondo intero. La militarizzazione della vita sociale è un dato di fatto che smentisce tutte le rosee illusioni di democratici e riformisti, che non hanno mai saputo comprendere come la “democrazia uscita vittoriosa contro il totalitarismo” dopo il massacro della Seconda guerra mondiale abbia ereditato la sostanza del totalitarismo nazi-fascista, in quanto espressione politico-finanziaria della fase imperialista del capitalismo. A ciò si aggiunga che ogni occasione è buona, per la borghesia, il suo Stato, i suoi “opinion makers” (con il valido aiuto di opportunisti di ogni risma, di destra come di “sinistra”), per attaccare – attraverso le più volgari e ignoranti mistificazioni – il concetto stesso, la storia e la tradizione del comunismo.

 

Proletari!Compagni!

La necessità del comunismo risiede negli stessi fatti oggettivi, che sono espressione del modo di produzione capitalistico. La necessità del comunismo è ribadita in maniera drammatica dalla sempre maggiore difficoltà, per la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, di sopravvivere decentemente in una società marcia e agonizzante (e lasciamo stare il resto: il livello d’infelicità diffusa, di violenza e nevrosi dilagante, è un altro fatto indiscutibile, come lo è il crescere inarrestabile degli omicidi di proletari sul luogo di lavoro, un autentico massacro quotidiano direttamente legato alle leggi che regolano l’estrazione di plus-valore). La necessità del comunismo si farà strada in maniera sempre più netta via via che la crisi si approfondirà eliminando ogni illusoria “garanzia”, ogni “conquista” di anni di lotta, via via che le condizioni di vita e lavoro si faranno sempre più intollerabili, via via che si avvicinerà la prossima guerra mondiale, ancor più devastante delle due che l’hanno preceduta. Per questo, i proletari che non vogliono arrendersi e rassegnarsi, che non vogliono diventare le vittime designate dei massacri del tempo di pace in attesa di diventarlo nei tempi di guerra, devono ritrovare la via della lotta di classe aperta, la sola che permetta loro di ritrovare, nell’identità collettiva di classe, oggi la capacità di resistere agli attacchi del capitale e domani, quando le condizioni oggettive e soggettive lo permetteranno e richiederanno, di porsi infine l’obiettivo reale della conquista del potere.

Riprendere la via della lotta di classe aperta vuol dire tornare a battersi per gli obiettivi e con i metodi propri del proletariato da centocinquant’anni a questa parte:

 

  • Forti aumenti salariali, maggiori per le categorie peggio pagate
  • Riduzione drastica dell’orario a parità di salario
  • Salario pieno ai disoccupati e sottoccupati
  • Rifiuto organizzato di ogni forma di lavoro precario o in nero
  • Rifiuto organizzato di ogni discriminazione in base a età, sesso, località o nazionalità
  • Lotta a ogni concertazione, compatibilità, sacrificio in nome dell’economia nazionale
  • Sciopero generale, senza preavviso e senza limiti di tempo e di spazio
  • Rifiuto dell’articolazione delle lotte
  •  
  • Rinascita di stabili organismi di lotta e di difesa economica e sociale

 

Oggi, Primo Maggio 2007, i comunisti non si limitano a celebrare ritualisticamente una ricorrenza lontana. Ma riaffermano con forza le conferme che la storia stessa del modo di produzione capitalistico non ha cessato di fornire nel corso degli ultimi centocinquant’anni: necessità del comunismo; dunque, necessità della dittatura del proletariato; dunque, necessità della rivoluzione e della conquista del potere; dunque, necessità del partito rivoluzionario mondiale, scienza e guida della rivoluzione, sia nelle lotte di difesa di oggi sia nelle lotte di attacco di domani.

 

 

Partito Comunista Internazionale

(Il programma comunista)

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).
  • Berlino: 14/05/2019, ore 19, Blauer Salon im Mehringhof (Hinterhof), Gneisenaustr. 2a, Berlin-Kreuzberg, Incontro pubblico sul tema: “EU-Wahlen und die Illusion eines vereinten Europa – Wie sieht eine internationalistische Gegenposition aus?
  • Torino - 25/05/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'