Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Giovedì, 23 Maggio 2019

Oltre il permesso di soggiorno, per il fronte unitario dell'intera classe proletaria, per l'organizzazione internazionalista della forza proletaria

Proletari, compagni,

ricordate la lotta dei proletari di Rosarno, la loro autodeterminazione contro lo sfruttamento, contro il disinteresse e l'ostilità che li circondava? Hanno sfidato un mondo che li opprime, fatto di caporali e di forze dell'ordine, di padroni e di organizzazioni sindacali, che li ha sempre separati dagli altri proletari per paura che si creasse un'alleanza spontanea contro l'ordine sociale esistente.

Avevano il permesso di soggiorno, non dovevano chiederlo per lavorare, non era questo che rivendicavano, non era per questo che lottavano: era contro il trattamento infame e disumano cui erano sottoposti, era  per difendersi da una condizione di vita e di lavoro di sfruttamento bestiale. Mentre lottavano, hanno avuto chiaro che nel regime del capitale, permesso di soggiorno o meno, non può esserci vita degna d’essere vissuta se non si combatte questo regime fino a distruggerlo.

Proletari, compagni,

la lotta che avete intrapreso per conquistare il “pezzo di carta”, non può che inserirvi legalmente nella condizione di schiavi salariati, la stessa cui sono sottoposti anche gli altri proletari nazionali. Certo, vi toglie dallo stato di clandestinità, creata ad arte per costringervi a mendicare e accettare salari di fame, fogne abitative, controlli polizieschi, inseguimenti per le strade, per finire reclusi nei centri di controllo e di espulsione. Niente può far mancare il nostro appoggio alla lotta che avete intrapreso. Questa lotta, lanciata nella disperazione più totale, tuttavia è perdente se non è accompagnata dalla più vasta mobilitazione di tutta classe operaia, che non si condanni così a riconoscere nel “posto di lavoro”, nella galera produttiva, la propria umanità. In queste condizioni, la solitudine non può essere superata da una facile solidarietà caritatevole, non può essere superata se non si crea un fronte unitario di lotta che tenda ad allargarsi sul territorio, che riesca ad organizzare una risposta intransigente – un organismo unitario internazionalista, caratterizzato da metodi di lotta di classe e dalle seguenti rivendicazioni immediate:

 

  • Respingere in forma organizzata ogni controllo, persecuzione, espulsione, reclusione dei lavoratori immigrati
  • Permesso di soggiorno per tutti, senza limitazioni
  • Fronte unitario di lotta internazionalista   

        

Versione stampabile

Partito Comunista Internazionale
(Supplemento al n°5/2010 de " Il programma Comunista")

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).
  • Berlino: 14/05/2019, ore 19, Blauer Salon im Mehringhof (Hinterhof), Gneisenaustr. 2a, Berlin-Kreuzberg, Incontro pubblico sul tema: “EU-Wahlen und die Illusion eines vereinten Europa – Wie sieht eine internationalistische Gegenposition aus?
  • Torino - 25/05/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'