Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Venerdì, 26 Aprile 2019

Il Programma Comunista (2005)

Sottocategorie

Editoriale. Dal disastro di New Orleans alle periferie in fiamme di parigi, altre verità semplici per il proletariato. Mondo del lavoro: Scioperi selvaggi in Germania. Volantino: “Basta con gli scioperi farsa”. Non esistono “governi amici” per il proletariato. Memoria storica: Gli insegnamenti della rivoluzione russa del 1905. Confessioni: anche dai riconoscimenti borghesi le conferme della dottrina marxista. Il lavoro dei comunisti a contatto con la classe operaia. Cofferati inaugura la campagna elettorale. Un faro risplende nella notte della “sinistra”. Testi. La leggenda del Piave ( Il programma Comunista, n° 20, 1963) I cardini del marxismo: conquista violenta del potere, distruzione dello stato borghese, dittatura proletaria. Iran: nuovi baubau e vecchie nostalgie.

Giornale formato    PDF 

 

Editoriale. La barbarie che sempre più insanguina il mondo è il frutto marcio e velenoso del capitalismo nella sua fase imperialista. L’Unione Europea messa alle strette dalle sue stesse contraddizioni. Pacifismo imperialista. Nostri lutti. Violenza potenziale e attuale nel dominio di classe. Testi. Da “ Forza, violenza, dittatura  nella lotta di classe” ( 1945-’46) Corso del capitalismo mondiale: dal II dopoguerra verso il III Conflitto imperialistico o verso la rivoluzione proletaria. Verifica e conferma della monolitica teoria marxista. Si scrive “Katrina” si legge “Capitalismo”. Memoria storica: I nostri compagni sono caduti per la rivoluzione non per la democrazia. Vita di Partito Un saluto (e un augurio) ai minatori sudafricani in lotta. Tragedie minerarie in Cina, delizie del capitalismo.

Giornale formato    PDF 

 

Editoriale. Dietro il mito dell’Europa Unita, l’illusione della grande potenza A proposito del referendum sulla ratifica del trattato dell’ Unione europea. Testi: Il mito dell’Europa Unita ( Il programma Comunista- 11-12/1962) Trasporto merci: ennesima fregatura per il proletari. In margine alle manifestazioni del Primo Maggio Il Partito. Partito o Unione di volenterosi? Vocabolarietto marxista: Disfattismo rivoluzionario Memoria storica. Gli arditi del popolo. Documenti: Come il Partito Comunista d’Italia difendeva la propria organizzazione nel 1921 Quadrante. A proposito di Yalta Vita di Partito

Giornale formato    PDF 

 

Editoriale. Per un Primo maggio internazionalista e di lotta. Chicago,1905: La nascita degli Industrial Workers of the World Vocabolarietto marxista: materialismo e antimaterialismi. 25 Aprile: Il comunismo non è “ resistenza” perché non ha né patrie né conquiste da difendere ma una società vecchia da abbattere e una nuova da costruire. Testi: Buchenwald è il capitalismo. Memoria: Da “Stato e Rivoluzione” 1917 di Lenin

Giornale formato    PDF 

 

Editoriale. La ripresa classista non può nutrirsi di nostalgie equivoche e paralizzanti. Catastrofi naturali o catastrofi sociali? Si scrive “ Tsunami” ma si legge “ Capitalismo”. Ancora, e brevemente, sull’orario di lavoro. Corso del capitalismo mondiale: dal II dopoguerra verso il III conflitto imperialistico o verso la rivoluzione proletaria. Verifica e conferma della monolitica teoria marxista. La Costa d’Avorio: vacillano le illusioni dell’imperialismo francese di mantenere un ruolo predominante in Africa. Rifondazione o demolizione del comunismo?

Giornale formato    PDF 

 

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino - 25/05/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'