Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Mercoledì, 16 Gennaio 2019

La Frazione astensionista e il Congresso di Mosca(Il Soviet, 3/10/1920)

Il Soviet», anno III, nr. 22 del 5.IX.1920)

 

I deliberati del Congresso di Mosca concordano pienamente con quanto la nostra frazione ha sempre sostenuto sulla necessità di creare un partito veramente comunista, sulle funzioni e la costituzione di questo partito e sui suoi rapporti colla III Internazionale. Così pure concordano perfettamente con quanto da noi è stato sostenuto sulla questione dei soviet, facendo implicitamente giustizia som­maria del deliberato, da noi combattuto, del PSI di costruirli fin da ora; deliberato ridotto dopo il Consiglio Nazionale di Milano alla minima espressione del soviet monocomunale sperimentale, a sua volta tacitamente messo a dormire. L'unica divergenza è sulla questione del parlamentarismo.

La tesi votata a Mosca ribadisce come premessa il concetto fondamentale che il parlamentarismo è un sistema di governo borghese, che non può costituire la forma dello stato proletario, che non può essere conquistato dal di dentro ma spezzato insieme con gli altri organi congeneri e locali per essere sostituiti dai soviet centrali e locali ecc. Questa valutazione del parlamentarismo risponde preci­samente a quanto al riguardo ha costantemente sostenuto la nostra frazione, la quale ha tenacemente insistito perché essa fosse accettata anche dalla maggioranza del partito. Al Congresso di Bologna la differenza tra noi e la maggioranza vinci­trice su questo punto cardinale fu, che noi volevamo che quanti non accettassero questa concezione programmatica uscissero dal partito, e in tal senso votammo; essa si limitò a fare al riguardo una affermazione verbale e votò per la permanenza nel partito di coloro che non accettavano il programma. Noi eravamo con Mosca nella parola e nell’atto, gli altri... predicavano bene e razzolavano male.

La tesi di Mosca rileva giustamente che il metodo fondamentale della lotta contro il potere politico della borghesia è quello dell’azione di massa che si trasforma in lotta armata, come sempre abbiamo sostenuto noi, e relega l'azione parlamentare ad essere subordinata agli scopi dell’azione extraparlamentare, consi­derando la tribuna parlamentare come uno dei punti di appoggio, ossia una posi­zione legale che il partito, che dirige le azioni di massa ovvero la lotta armata, deve costituire alle spalle del proletariato in lotta. Ciò è profondamente diverso e avverso a quanto ha fatto, prima e dopo Bologna, il PSI, il cui epicentro è restato sempre e unicamente l'azione parlamentare, che domina e guida tutta la lotta politica. L'azione illegale era ed è ignota (prima di Bologna era proprio ripudiata e lo è ancora da moltissimi iscritti): eppure, essa è uno dei capisaldi della tesi di Mosca ed è non piccola parte di quell’azione extraparlamentare cui dovrebbe essere collegata in forma subordinata l'azione parlamentare per utilizzare in tal senso l'immunità parlamentare. Ridotta in questi termini ristretti, l'azione parlamentare, va da sé, perde notevolmente di importanza, e la questione dell’uso del parlamento si restringe in limiti assai modesti. É vero che i comunisti hanno guardato sempre così la questione, né potevano far diversamente, data la premessa da cui partivano che il parlamentarismo è un sistema di governo borghese; ma non così la intendeva il PSI, e non solo i socialdemocratici ma anche moltissimi dei cosiddetti massimalisti.

La nostra accanita, tenace lotta in seno ad esso, fino a sentire la necessità di costituire una frazione astensionista per agire con maggiore energia e concordia di movimenti, che era ed è ispirata dalla convinzione che la lotta politica, ossia la lotta per la conquista del potere, è fuori dell’azione parlamentare, tende alla finalità di portare l'attività del partito verso la sua vera meta. Costringere il partito a ridurre nei termini voluti da Mosca l'azione parlamentare e ad accettar di discutere la questione del parlamentarismo dal punto di vista da cui sempre l'abbiamo considerata, e cioè: quanto e fino a che punto possa essere utilizzata la funzione parlamentare ai fini dell’azione rivoluzionaria, è per noi grande vittoria. Noi non abbiamo affermato che la lotta politica potesse caratterizzarsi con una questione di attitudine verso il parlamentarismo, né abbiamo sostenuto la negazione assoluta ed ingenua della partecipazione elettorale. Nel programma presentato a Bologna abbiamo ben distinto il periodo prerivoluzionario, in cui si utilizza il parlamento per fare opera di critica e propaganda, da quello rivoluzionario, l'attuale, in cui il proletariato insorge per abbattere lo stato borghese; alla quale azione nessun efficace contributo può essere portato mediante la funzione parlamentare. L'esperienza del domani, quando in base ai deliberati di Mosca tutti i partiti aderenti alla III Internazionale, resi veramente comunisti dopo essersi sbarazzati dei vari ingombri che contengono, adopereranno la tattica parlamentare, dirà se sia errato o no il nostro punto di vista.

La tesi di Mosca non esclude che possano essere praticati l'uscita dal parla­mento, il boicottaggio del parlamento, il boicottaggio delle elezioni; solo ritiene che ciò possa avvenire quando ci si trovi in una situazione che permetta l'imme­diato passaggio alla lotta armata.

Senza entrare in un esame dettagliato di queste varie azioni, che sono note­volmente diverse, e senza considerare la difficoltà non sempre facilmente superabile della valutazione della circostanza espressa nella tesi per la loro attuazione, rile­viamo che il boicottaggio attivo delle elezioni da noi proposto (intervento in esse senza candidato a scopo di propagandare con maggiore efficacia il carattere borghese del parlamentarismo, la sua incapacità nei rapporti della dittatura proletaria, e la necessità di abbatterlo) rientra precisamente in una delle azioni che la tesi di Mosca riconosce consigliabili.

Vi è forse una diversa valutazione del momento dell’utilità di esso. Dico forse perché noi eravamo sicuri di non essere seguiti dalla maggioranza e quindi sapevamo di avere anticipata la nostra affermazione non nel senso storico ma nel senso della sua accettazione e quindi della sua attuazione. Ciò non facemmo e non facciamo per il risibile proposito di apparire più rivoluzionari.

Ogni tendenza ha avuto sempre questo inizio: comincia dall’uno o dai pochi e poi cresce e si sviluppa se risponde ad un vero bisogno ed a una necessità del domani. Non è infantile pel solo fatto di essere in un determinato periodo del suo sviluppo seguita da scarso numero. Così ragionando, tutte le nuove idee sono state infantili. Quando al Congresso di Bologna chiedevamo che il partito divenisse di nome comunista, per consacrare definitivamente un cambiamento radicale di indirizzo, anche allora eravamo pochi e sapevamo di esserlo.

Così pure quando sostenevamo la incompatibilità nel suo seno dei destri e centristi. Vedremo nel prossimo Congresso, dopo i deliberati di Mosca, quale cammino avrà fatto dopo un anno la nostra tendenza. Così per l'astensionismo. L'avere sostenuto e sostenere l'astensionismo è servito e serve ad esercitare un potente svalutamento della funzione del parlamentarismo specie tra i massimalisti, a infondere nel partito e nelle masse il convincimento sempre crescente che il centro di gravità del movimento proletario è fuori del parlamento borghese ed a prepararli per l'ora in cui questo dovrà essere definitivamente spazzato via. Che per noi l'astensionismo non costituisca il fulcro fondamentale dell’azione comunista, lo si rileva dal fatto che non abbiamo voluto affrontare su di esso il distacco dal partito e che non volemmo accogliere la alleanza con quegli anti­parlamentari i quali, pel solo fatto di essere tali, non accettassero rigidamente il programma comunista. Alla conferenza di Firenze nella mozione votata dalla frazione dicevamo fra l'altro: «La frazione delibera di consacrare tutte le proprie forze alla costituzione in Italia del Partito comunista, sezione della III Interna­zionale, affermando che in questo partito, come nel seno della Internazionale mede­sima, la frazione sosterrà la incompatibilità della partecipazione elettorale ad orga­nismi borghesi ecc.». Da questa deliberazione risulta chiaro il nostro proposito fondamentale che è quello di formare un partito comunista, indispensabile organo per la lotta politica del proletariato, che abbia un programma positivo di azione, e non un partito fondato sopra una differenziazione negativa quale è l'astensionismo. Questo nostro proposito, avvalorato dai deliberati di Mosca, ci impone la più ener­gica attività ora che esso entra finalmente e definitivamente nella sua fase di at­tuazione. Noi continueremo a lavorare per cercare di divenire maggioranza nella Internazionale, il che, s’intende, prescinde assolutamente dal più rigoroso, di­sciplinato, incondizionato rispetto ai deliberati di essa, anche di quelli che non rispondono alle nostre intime convinzioni. Una ferrea disciplina è la principale forza dei partiti comunisti che di nome e di fatto siano veramente tali.

 

Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'