Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Domenica, 25 Agosto 2019

Il prestigio parlamentare («Il Soviet», anno III, nr. 16 del 6.VI.1920)

Il Soviet», anno III, nr. 16 del 6.VI.1920)

 

Nei periodi di vita tranquilla, la dittatura borghese nasconde la sua reale essenza di violenta oppressione di una minoranza sulla grande maggioranza mediante l'inganno elettorale, per il quale quest'ultima ha la fallace illusione di dare essa spontanea­mente, scegliendo i propri rappresentanti, il mandato a coloro che debbono go­vernarla.

In realtà il governo, comitato esecutivo per la tutela degli interessi della classe borghese dominante, e che rappresenta il potere esecutivo appoggiato sulla sua salda ed organizzata burocrazia, costituendo essi nel loro insieme l'autorità dello Stato, è l'unico vero arbitro del potere politico. Esso esercita la sua sovranità anche sulla funzione parlamentare, che per mille guise è aggiogata al suo carro.

Di tutto ciò le masse lavoratrici, ossia la classe oppressa, non si erano nel periodo prebellico rese sufficiente conto. Incapaci per immaturità a un'insurrezione liberatrice, esse si appagavano di esprimere, mediante qualche proprio rappresentante, nel bel mezzo dell’organo borghese, una protesta in attesa del giorno lontano in cui, secondo le belle promesse dei più devoti militi, sarebbero in quello divenute mag­gioranza e ne avrebbero fatto l'organo dei propri interessi. Esse non si accorgevano che per la borghesia intelligente i parlamenti non avevano altra funzione se non di valvola di sicurezza per spegnere ed esaurire in una vana logomachia le velleità ribelli che in esse sorgevano naturalmente nel quotidiano urto per la propria esistenza.

Tra le tante conseguenze della guerra vi è stata quella del discredito dell’istituto parlamentare. Il mondo borghese si corrode per le intime contraddizioni del suo meccanismo vitale, che si esasperano e si esacerbano nei periodi di maggiore tensione. Il potere esecutivo durante la guerra ha rivelato tutto il suo vero contenuto ditta­toriale, essendo costretto a ottenere dalla macchina dello stato il massimo rendimento della sua funzione di oppressione. Ciò specialmente nei paesi, come il nostro, nei quali più si è da parte della minoranza dominante esercitata la violenza nell’imporre una guerra che la grande massa non sentiva in alcun modo, che non voleva, ed a cui non ha mai dato in nessun momento la sua adesione.

La soppressione o la riduzione al minimo della funzione parlamentare, attraverso cui talvolta, in virtù di certe prerogative, qualche voce di protesta venne fuori, fu una imperiosa necessità da una parte; dall’altra il meccanismo stesso della sua azione non è tale da rispondere con elasticità alle urgenze vertiginose del periodo bellico. Durante questo, il parlamento ha funzionato come una lustra di consultazione del paese, per dare una specie di beneplacito a tutto ciò che il potere esecutivo faceva o avrebbe fatto.

A guerra finita, nell’avvicinarsi del periodo critico, quando le sue conseguenze disastrose dovevano rendersi più sensibili ed ingenerare lo stato attuale di profondo malessere, e quando d'altra parte la compressione statale doveva allentarsi, i vari scopritori di cerotti si ingegnarono di ridare virtù alla valvola di sicurezza più che mai necessaria, risollevando il tono di vita dell’istituto parlamentare che avevano contribuito ad abbassare. E si affidarono per la bisogna alle sapienti escogitazioni dei socialdemocratici, i quali avevano studiato la miracolosa formula della propor­zionale elettorale.

Ma il gioco non è riuscito; il trucco era già svelato. I risultati della proporzio­nale elettorale non hanno mutato se non alcuni rapporti numerici senza importanza; la macchina dello stato non muta radicalmente con simili espedienti.

La vittoria elettorale socialista non ha avuto e non poteva avere altro significato se non di protesta contro la guerra imposta, non di fiducia nell’istituto, o di un tenta­tivo, di un avviamento verso una conquista maggioritaria. Le masse lavoratrici, istin­tivamente diffidenti verso tutti gli istituti della classe avversa, non hanno chiesto e non chiedono opera positiva dai propri rappresentanti, anzi cominciano a disilludersi quotidianamente della possibilità di un'opera di distruzione. Coloro che sostengono il contrario attribuiscono le loro aspirazioni, le loro personali possibilità ministeriali, alle masse lavoratrici, le quali voltano le spalle agli istituti borghesi per rivolgersi verso quelli della propria classe.

Nella crisi sempre più incalzante che investe dovunque tutto il regime bor­ghese, di fronte all’imminenza di un urto risolutivo che possa strapparle definitiva­mente il potere, la borghesia in preda all’incubo si aggrappa all’ultima trincea, all’istituto parlamentare.

L'Intesa trionfatrice impone dovunque come prima condizione di esistenza per gli Stati che germinano dalla dissoluzione dei nemici la costituzione di un parla­mento. Nella lotta contro la Russia dei Soviet, essa afferma di non riconoscere la forma di questo Stato perché non è sulla base della democrazia parlamentare, degli istituti parlamentari. Esso figura nei capisaldi del programma di uno dei più rappresentativi uomini della borghesia italiana, l'on. Giolitti, il quale rimette su questa base la sua candidatura alla presidenza. Anche in Italia le frazioni democratiche vogliono il risollevamento del prestigio.

Sono inutili sforzi che serviranno soltanto a maggiormente far comprendere al lavoratore che, se la borghesia si preoccupa tanto della vita di questi organi, ed ora soprattutto, è perché essi debbono servire alla propria conservazione; e a fargli comprendere altresì che quei tali che, atteggiandosi a suoi rappresentanti, si fanno paladini dell’istituto parlamentare sono alleati dei borghesi, e pertanto suoi nemici.

 

 

Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'