Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Domenica, 25 Agosto 2019

I socialisti e le monarchie ( Battaglia Comunista, n°17, 1949)

IERI 

I partiti socialisti al tempo della seconda Internazionale dovevano porre nella loro politica una pregiudiziale antidinastica? Come tutte le quistioni abusate e facili all’accreditamento dema­gogico, era una quistione posta male. Il socialismo come movimento rivoluzionario del proletariato non ha pregiudiziali che non siano a base di classe, ha una sola istanza sostanziale contro il potere della classe borghese, in forma istituzionale repubblicana o dinastica che sia.

 

La pregiudiziale avrebbe significato questo, nei campo dell’azione parlamentare allora dominante, che un socialista francese poteva fare il ministro della terza repubblica, uno italiano non avrebbe potuto fare il ministro dei Savoia. Ben diversamente pensarono i socialisti di sinistra fino da allora, e trattarono da traditori Millerand o Briand non meno di Bissolati o di Vandervelde, possibilisti di pace o di guerra.

 

Disgraziatamente tutte le quistioni di partito si giudicavano, e purtroppo si giudicano ancora, non già coi dati di esperienza e di teoria propri ed originali della lotta proletaria di classe e del marxismo, ma prendendo a modello di confronto le grandi rivoluzioni borghesi sia pure nella forma classica e più violenta. Le vittorie rivoluzionarie della classe borghese hanno in molti casi accompa­gnato il passaggio del potere dalla vecchia classe dominante alla nuova con lotte armate insurrezionali, con la violenta rottura dei vecchi istituti, e con un periodo di terrore dittatoriale, e noi consideriamo questa una analogia storica colla rivoluzione prole­taria che attendiamo e prepariamo, ma questa è sempre una analogia formale assai meno importante per impostare le nostre quistioni della spietata antitesi tra borghesia e proletariato, tra capita­lismo ed economia comunista, base sostanziale delle valutazioni e delle decisioni del movimento operaio rivoluzionario che non accetta modelli nella storia borghese e preborghese.

 

Crornwell e Robespierre fecero cadere teste regali, ma a torto questo li consacra ad una errata ammirazione dei militanti socia­listi. Nella rottura dei rapporti di produzione precapitalistici e nel fondare l’ordine borghese con tutte le sue caratteristiche di servitù del quarto stato proletario, la funzione di quelle pri­me repubbliche rivoluzionarie si continua senza contrasti in quel­la di successive dinastie “borghesi” orangiste hannoveriane bonapartiste ed orleaniste che siano, come senza contraddizioni la rivoluzione capitalistica si inserì nelle forme politiche di “costituzioni” da parte delle monarchie, concesse o strappate vuol dir poco, tanto più che monarchie liberali e parlamentari si ebbero con le medesime dinastie che avevano lottato nelle file della restaurazione antiborghese, e mettiamo in evidenza subito  Savoia.

 

Il totalitarismo delle prime borghesie repubblicane come è radicale contro l’ancien régime così lo è contro i tentativi di ri­scossa operaia, ed era un banale errore pensare che in un quadro repubblicano puro e stabile le conquiste dei lavoratori si sareb­bero fatte strada direttamente più che in un quadro di regime borghese monarchico. Il rapporto è altrove.

 

La Francia è il “paese sperimentale” della storia e in certi suoi cicli brevi offre il materiale ad analisi dei rapporti storici generali, come suggestivamente lo ha offerto a Carlo Marx per elaborare la dottrina della lotta di classe e della guerra civile operaia, negli anni 1848, 1852, 1871. Questi cicli ci mostrano tanto monarchie progressive e riformiste quanto repubbliche poli­ziesche e reazionarie, ci mostrano poi un proletariato audace ed eroico che ha saputo odiarle ed assalirle entrambe, dopo essere stato da entrambe più volte ingannato -tradito e massacrato.

 

Dopo la prima repubblica la Francia aveva avuto con Napoleone una monarchia tanto rivoluzionaria quanto autocratica; ebbe dopo la restaurazione borbonica e dopo la rivoluzione del 1830 la monarchia “borghese”di Luigi Filippo. La seconda repubblica nacque dalla lotta contro costui di partiti borghesi repubblicani e degli operai rivoluzionari. “Se Parigi domina la Francia grazie all’accentramento politico, sono gli operai che nei momenti di convulsioni rivoluzionarie dominano Parigi”. Su queste parole di Marx, elaborerà e combatterà Lenin una grande rivoluzione.

 

Ma a mezzogiorno del 25 febbraio 1848 il governo era caduto, esercito e polizia avevano perduto il potere dinanzi alla guardia nazionale, vi era un governo provvisorio di coalizione, tuttavia la repubblica non era proclamata ancora. Si temeva il ripetersi della mistificazione di Philippe Egalité. L’argomento accampato è del tutto “democratico”: per cambiare la costituzione ci vuole la maggioranza della Francia, dobbiamo aspettare il voto della provincia. Ma le barricate sono ancora in piedi e duecentomila parigini minacciano di marciare sull’Hotel de Ville: il nuovo go­verno borghese non si è ancora sbirrificato: cede. Dopo due ore brillano sulle muraglie di Parigi le storiche gigantesche parole: République Française! Liberté, Egalité, Fraternità! Non è in Marx uno squarcio lirico, ma tremenda ironia.

 

La nuova repubblica non è proletaria e recalcitra perfino a darsi un programma riformista e sociale sotto la pressione delle richie­ste dei capi del proletariato. Queste pagine di Marx andrebbero rilette rigo per rigo in tutto lo svolgimento che conduce dalla lotta di febbraio a quella del 22 giugno, dall’errore nel credere che la repubblica come fatto istituzionale fosse una vittoria, dall’errore nella fiducia di riforme sociali che possano togliere al regime i caratteri padronali capitalistici, gli operai di Pa­rigi passano alla giusta posizione della lotta di classe contro tutta l’impalcatura dello Stato. Stavolta la guardia nazionale cui avevano plaudito è contro di loro: le hanno detto che l’As­semblea nazionale riunita in maggio ha con il voto legalmente ordinata la Francia in forme liberali ma sempre borghesi. I lavo­ratori si gettano ancora nella lotta: stavolta cadono in un mare di sangue, ma è questa tremenda sconfitta che Marx esalta come la sola conquista di classe nella drammatica vicenda, come esal­terà ventitre anni dopo i comunardi massacrati dalla repubblica di Thiers. 

OGGI 

Qui, dove viviamo nel fiore delle penisole e nella feccia delle repubbliche si riparla in questi giorni di una quistione istituzionale e di un legittimismo monarchico. Quanti militanti incapaci di quadrare o di sentire sia pure per istinto il rapporto degli interessi e delle lotte di classe non sono pronti a fre­mere di uno sdegno che non hanno sentito per il regime dei Comi­tati di Liberazione per la Triarchia comunsocialcristiana o per l’attuale repubblica dell’aspersorio! Si troverebbero di questi militanti perfino a “sinistra” e in un malinteso trotskysmo: un tentativo di ritorno dei Savoia potrebbe “sollevare il popolo” in un fronte di insurrezione, manovrandoci dentro con sblocchi e sbloccate potremmo “fare la rivoluzione”. Quanto diversa da tali bambinate l’analisi marxista dei possibili sviluppi della situa­zione!

 

Pregiudiziale repubblicana! Ripetiamo le fesserie di trenta anni fa e non abbiamo ancora capite le verità abbagli­anti di cui la dottrina rivoluzionaria dispone da un secolo. Gli stessi repub­blicani stoici italiani si appagarono della guerra irredentista per governare col re. Gli stessi fascisti del 1919 si posero il quesito e si dissero tendenzialmente repubblicani. Venne il 25 Luglio ed ebbero il fegato - i bloccardoni antimussoliniani - di contentarsi che le armi alleate fossero in Sicilia e non a Centocelle, per fare il passo ultrarivoluzionario di fare per la prima volta manomettere il duce da chi, per iddio?, da Sua Maestà il Re.

 

Le pregiudiziali­ non classiste conducono a tutto sulla via del rinculo, di cui non è stato ancora visto il fondo. Quando invece delle massimali richieste tanto facilmente sbandierate in tempo di bonaccia, chiedendo il sangue dei borghesi o gridando né dio né padrone, ripiegammo a rivendicare che facessero fuori vuoi Guglielmo vuoi Benito vuoi Adolfo, fummo ridotti a dover deglutire di nuovo come sopraffino cibo e capitalisti e monarchi e papi.

 

Un secolo dopo le giornate di Parigi i capi avanzati dei movimen­to italiano non seppero chiedere nemmeno la repubblica borghese o la repubblica laica, altro che repubblica sociale. Il fatto storico è che non ci fu movimento, ma solo tradimento, che con opera di anni tolse alla classe operaia di fare da protagonista nel dramma storico, e non le consentì nemmeno di tentarlo. Se non si fosse patteggiato nella resistenza, ridotta ad un ben prudente intrigo sotterraneo romano, con collari dell’Annunziata, marescialloni fascisti e cardinali imboscatori, la liquidazione di Pippetto era l’affare di un minuto. Bastava nel 1943 Napoli, bastava Salerno, non occorreva una Parigi. Tale onore fu lasciato ai repubblichini del Nord. Nel 1945 il triangolo proletario Milano Torino Genova era venti volte di troppo per far fuori una dinastia putrefatta e andare ben oltre, se il tradimento di capi ancora più “destri” dei Raspail degli Albert dei Ledru Rollin del 1848 non avessero tutto barattato con l’offa di Piazzale Loreto per i gregari e quella di Dongo per i mestatori.

 

Un secolo dopo - statisticamente a leggere la letteratura politi­ca postmussoliniana, che pullulò subito in modo nauseante, ave­vamo un buon novanta per cento “marxista”, compresi i cattolici che oggi stilano le proclamazioni per commissione di Stalin non si trovò NESSUNO per denunziare l’ignominia di rimandare la liquidazione non diciamo della classe dominante, ma della monarchia strafascista (fu anzi il fascismo a farsi più lurido divenendo re­gio) senza aspettare la democrazia dell’Assemblea Costituente. Ciascuno era irrequieto ma colui che giunse dal mare, ossia Palmi­ro, chiarì leninisticamente tutto questo e fece rispettare quello che chiamava negli articoli Umberto tout-court.

 

Umberto lo avevamo creduto uno smidollato ed un fesso, ma così non era. Buon politico il padre, gli apprese che dinastici stomaci digeriscono con impassibile etichetta al caso e i Turati e i Mussolini e i Togliatti. Ridotta la lotta alle schede del 2 giugno con tanto di ministro socialista agli interni, per poco la tesi  monarchica non ce la fece. Per poca stima che possa aversi di Peppino Romita il corpo elettorale dovette essere savoiardo per un cinquantacinque per cento.

 

Fu un vero peccato che non andò così. Per due motivi. I proletari che in buona fede seguono il marxismo “centrista” avrebbero capito che fesseria è rimettersene, sia pure in una faccenda di non molto conto, al metodo democratico. I “trotskysti” - e i due colossi da cui sono presi gli aggettivi ricevano all’altro mondo le nostre scuse - avrebbero visto che nessuno si muoveva. Si muove nessuno per il papismo trionfante?

 

La discussione di oggi è poi spassosa: i residui di laicismo ideologico nei borghesi italiani, un po’ scossi dal sacrestanismo della repubblica del due giugno, sono invitati dai monarchici a pensare che una monarchia soltanto può in Italia bilanciare la influenza vaticana. Non siamo relativisti, soltanto ci diverte pensare che abbiamo una repubblica tale, che la monarchia restau­rata sarebbe “di sinistra”.

 

Il nostro avviso? Che in quanto tra noi accade, Umberto Biancamano e San Pietro non hanno influenza alcuna. Moltissima invece il ca­pitalismo occidentale moderno e il modernissimo disfattismo rivolu­zionario moscovita, doublé con quella tradizionale europeo.

 

Un nostro slogan? Dinasti, sacerdoti, magistrature repubblicane, possiate presto andarvene all’inferno a braccetto!

Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'