Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Giovedì, 21 Marzo 2019

Per l'antimilitarismo attivo ed operante (Da "Il Socialista" del 22 ottobre 1914)

 

(Da "Il Socialista" del 22 ottobre 1914)

 

L'argomento di attualità per tutti i nostri avversari è l'atteggiamento assunto da Benito Mussolini. Si vuole ad ogni costo aprire una breccia nell'atteggiamento antiguerresco del Partito socialista, e si spera di riuscirvi proprio attraverso quello che sembrava uno dei baluardi imprendibili: il pensiero e l'azione dell'Avanti!. Ma neanche questa volta il Partito socialista si darà per vinto. Esso ha dimostrato di possedere una coscienza collettiva, così ostinata - se si vuole - a non decampare dal programma tracciatosi, e così iconoclasta, da passare trionfalmente, più vivo e vitale che mai, attraverso le ormai incessanti marce funebri che gli suonano tutti gli organetti sfiatati del politicantismo italiano. A parte le balorde esagerazioni sulla portata del pensiero di Mussolini - da cui abbiamo già espresso l'aperto dissenso nostro -, è ormai certo che il socialismo può, ove occorra, fare a meno anche di lui, qualunque sia il contributo imponente di energie che egli ha dato e dà per la comune battaglia. Ciò si vede anzitutto dalla terribile revisione prospettata dall'eretico e inquieto ingegno di Mussolini ed ha riconfermato la linea di azione dei socialisti italiani contro qualsiasi partecipazione dello Stato italiano alla guerra.

Esaminiamo - ciò premesso - a volo d'uccello l'opinione del Direttore dell'Avanti! così elegantemente prospettata nel numero del 18. E' meglio farne una fugace analisi psicologica che una lunga disamina teorica. La preoccupazione di mettersi nel campo della realtà equivale ad accettare l'insidia polemica - e pratica - dei nostri avversari, che pretendono di porre i principi del socialismo su altra base che quella della realtà che ci circonda, per demolirne così la potenzialità sovvertitrice. La preoccupazione di "fare il gioco" degli austro-tedeschi è un'altra insidia dalla quale credevamo di essere usciti durante la crisi che ci ha condotti all'attuale intransigenza. On fait toujours le jeu de quelqu'un. Il timore di permettere che il presente sia sopraffatto dal passato, mentre noi ci illudiamo di lavorare per l'avvenire, è squisitamente riformistico. Il presente, quando noi staremo per travolgerlo, griderà sempre al pericolo contro le risurrezioni del passato. Il rivoluzionarismo marxista dovrebbe portarci ben fuori di questo tranello. Ci pare indiscutibile che Mussolini ha vacillato. E' caduto nell'inganno che le vicende della realtà storica tendono a tutti quelli che vogliono superarle.

Mussolini non è poi giunto che ad una formula che al solito svantaggio di essere astratta aggiunge l'altro di essere contraddittoria. Neutralità attiva ed operante? Ci pare che non voglia dir nulla.

Il concetto di neutralità ha per soggetto non i socialisti, ma lo Stato. Noi vogliamo che lo Stato resti neutrale nella guerra, assolutamente, fino all'ultimo, checché avvenga. Per ottenere ciò noi agiamo su di esso, contro di esso, nel campo e coi mezzi della lotta di classe. Da questa non vogliamo disarmare. La nostra guerra è permanente, scoppia talora come nel giugno in aperta rivolta, ma non concede armistizi. Oggi siamo vittime di un mauvais mot. Neutralisti noi? Ci si accusa subito di pacifismo. Noi, invece, sostenendo che lo Stato deve restar neutrale, ne restiamo gli aperti nemici, attivi ed operanti. Abbiamo col governo Salandra molte partite da regolare. Agitiamoci per le vittime politiche. Seguitiamo la propaganda e l'opera antiborghese, antimilitarista.

Non concediamo sospensive o tregue, chiudiamo la strada al miraggio dell'unanimità nazionale che ha abbacinato i compagni francesi e tedeschi.

Questa non è viltà pacifista.

Ed è tanto meno "egoismo nazionale," in quanto potrebbe mettere domani la nazione in condizioni d'inferiorità militare dinanzi all'eventuale nemico. Sulla qual cosa non dovremo avere scrupoli. Tutto ciò nel campo della valutazione generica - a parte l'analisi della realtà di cui siamo testimoni, da cui non dobbiamo recedere, ma che abbiamo svolta e svolgeremo in tutte le forme di propaganda, ritenendo che finora ne scaturiscano conclusioni che non distruggono affatto il socialismo rivoluzionario e antimilitarista.


International Press

 

            pc012019        

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino - 23/03/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'