Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Martedì, 21 Maggio 2019

Memoria di classe: Peterloo 1819

Il film del regista inglese Mike Leigh, Peterloo, da poche settimane sugli schermi italiani, narra fatti realmente accaduti a Manchester, culla della rivoluzione industriale, il 16 agosto 1819: una strage di lavoratori durante una manifestazione – nota da allora come “il massacro di Peterloo”. Nella storia del movimento operaio (e non solo inglese!), quei fatti – preceduti da scioperi e dimostrazioni sempre più frequenti – si collocano fra l’estinguersi del “luddismo” (il sabotaggio, l’istintiva reazione, da parte dei lavoranti a domicilio del sistema manifatturiero, all’introduzione delle prime macchine che annunciavano l’avvento del sistema di fabbrica) e l’evolvere di quelle sparse lotte operaie verso il movimento organizzato che ebbe il nome di “cartismo” (dalla “Carta” di rivendicazioni intorno a cui si coagulò): quindi, fra i primissimi anni dell’800 e gli anni ’40 – esperienze decisive che, insieme ad altre sul piano sia economico che politico e filosofico, concorreranno a formare l’humus per l’affermarsi del materialismo dialettico, del comunismo (La situazione della classe operaia in Inghilterra è del 1844, il Manifesto del partito comunista del 1848). Ma torniamo a Manchester.

Peterloo non esiste e non esisteva, sulla mappa della città. Esistevano allora i St. Peter’s Fields, un ampio spiazzo libero, nel quale era usanza riunirsi e indire comizi e riunioni all’aperto. Quel giorno d’agosto, tra le 60 e le 80mila persone si radunarono in quel luogo, per ascoltare le parole dei più noti agitatori del momento: la futura cartista Mary Fildes, il giornalista Richard Carlile, il tessitore-poeta Samuel Bamford, l’oratore radical Henry Hunt… La mobilitazione era stata indetta per protestare contro la diffusa corruzione parlamentare (sono passati due secoli…) e rivendicare il suffragio universale e ampie, profonde riforme sociali, in un’epoca – come s’è detto – di tremende condizioni di vita e di lavoro, oltre che di acute lotte operaie. I manifestanti venivano da tutta Manchester, da Salford, dalle città e cittadine di un Lancashire in piena rivoluzione industriale: uomini, donne, bambini. Di fronte a loro, un impressionante schieramento poliziesco e militare: polizie locali, agenti speciali, reparti di ussari e la Reale Artiglieria a Cavallo. A un certo punto del comizio di Hunt, dopo la rituale lettura del Riot Act, gli ussari e la cavalleria entrarono in azione con tremenda violenza: i morti accertati furono 15, fra cui un bambino di due anni e una madre di sette bimbi piccoli, i feriti fra i 400 e i 700 – cifre con ogni probabilità inferiori alla realtà. La “felice vecchia Inghilterra”… L’indignazione fu enorme, alimentata anche dai resoconti accesi del “Guardian” e di altri giornali importanti: il direttore di uno di questi coniò allora l’espressione “Peterloo”, con sarcastico riferimento alla battaglia di Waterloo di quattro anni prima, quando proprio la cavalleria e gli ussari erano stati protagonisti della vittoria sulle armate francesi di Napoleone.

Primo Ministro era allora l’odiato Lord Castlereagh, responsabile di altri eventi repressivi in Inghilterra e in Irlanda, e a tenergli bordone era l’altrettanto odiato Ministro degli Interni Lord Sidmouth. Il giovane poeta ribelle, Percy Bisshe Shelley, che si trovava in quel momento in Italia, saputo dell’eccidio, scrisse subito, di getto, un lungo poema in cui immagina un corteo di tutti i componenti del governo nascosti dietro orribili maschere sanguinarie: Castlereagh con la maschera “Assassinio”, Sidmouth con quella “Ipocrisia”, seguiti “da molte altre distruzioni/ tutte travestite, fino agli occhi,/ da vescovi, avvocati, nobili e spie”. Scandiva il poema una stanza rivolta al popolo inglese, per troppo tempo soggetto agli arbitri del potere: “Levatevi come leoni dopo il sonno/ in numero invincibile,/ gettate a terra come rugiada le catene/ che vi son cadute addosso mentre dormivate./ Siete in molti – e loro son pochi”.

Da parte sua, quando tre anni dopo Castlereagh morì pazzo e suicida, il poeta Byron scrisse un esplicito epitaffio che suonava così: “I posteri mai vedranno/ tomba più nobile di questa./ Qui giacciono le ossa di Castlereagh./ Fermati, viandante, e piscia”.

Più chiaro di così…

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).
  • Berlino: 14/05/2019, ore 19, Blauer Salon im Mehringhof (Hinterhof), Gneisenaustr. 2a, Berlin-Kreuzberg, Incontro pubblico sul tema: “EU-Wahlen und die Illusion eines vereinten Europa – Wie sieht eine internationalistische Gegenposition aus?
  • Torino - 25/05/2019, dalle 14.30, presso c/o Circolo ARCI CAP - Corso Palestro 3/3bis
  • Berlino: 03/02/2019, ore 15,00, presso K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, incontro pubblico sul tema: "Gilet gialli: rivolta popolare e illusioni democratiche"
  • Milano 18/02/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Decreto sicurezza: dividere,emarginare, reprimere i proletari"
  • Milano 18/03/2019 , ore 18,30, presso Spazio Ligera, via Padova 133 (autobus 56, fermata Mamiani), incontro pubblico sul tema: "Il fantasma dell'Europa unita"

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'