Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Martedì, 16 Luglio 2019

Dal Belgio: Lo sciopero generale del febbraio 2019

Dopo lo sciopero generale del 14 dicembre (di cui abbiamo dato notizia nel numero scorso di questo giornale), il bis è venuto a distanza di due mesi : il 13 febbraio. Dopo una serie di trattative avviate dal bonzume sindacale con governo e organizzazioni padronali, la triade è stata costretta dal malumore generale della base a respingere il ridicolo margine d’aumenti salariali e la smisurata flessibilità richiesta dal padronato, oltre al rifiuto di discutere le condizioni d’impiego a fine carriera o i prepensionamenti. Le trattative si sono bloccate su un margine d’aumento salariale « disponibile » dello 0,8% su… due anni ! E ciò proprio mentre i prezzi esplodono, i profitti aumentano, i contributi padronali sono diminuiti e vengono ridotte le imposte alle aziende…

Le organizzazioni sindacali hanno dunque avanzato numerose parole d’ordine : un aumento significativo dei salari e in particolare del salario minimo a 14 euro l’ora (o 2.300 euro al mese), meno pressione sui ritmi e un lavoro accettabile, un maggior numero di contratti a tempo indeterminato e un migliore equilibrio tra vita privata e vita lavorativa, una pensione minima di 1500 euro netti, una fine di carriera soft attraverso il mantenimento dei regimi di prepensionamento e degli impieghi di fine carriera a partire dai 55 anni, l’aumento dei sussidi sociali del 10% al di sopra della soglia di povertà, l’eguaglianza salariale (« A lavoro eguale, salario eguale »), il rafforzamento dei servizi pubblici, la  riduzione delle spese per acqua, gas, elettricità, una maggiore giustizia fiscale spostando la pressione fiscale dalle spalle dei più deboli a quelle dei più fortunati, del capitale e delle grandi imprese, ecc….

Insomma, una sorta di « libro dei sogni », concepito per far sfogare la rabbia che bolle pericolosamente – tanto più « libro dei sogni » in quanto i sindacati poi non fanno seguire a esso una reale e decisa mobilitazione che vada al di là del rituale « sciopero generale » e dopo… tutti a casa. D’altra parte, queste rivendicazioni sono molto popolari e dunque era inevitabile che lo sciopero nazionale fosse accolto bene. Il quotidiano De Stadaard intitolava : « Raramente un’azione ha potuto contare su una adesione simile ». Sono stati toccati tutti i settori : dai metallurgici ai lavoratori della petrolchimica, passando per i salariati dei grandi magazzini (come Carrefour, dove ci sono stati 1200 licenziamenti nel solo 2018), della posta, dei trasporti pubblici, dei porti e degli aeroporti, del commercio e del terzo settore, del privato e del pubblico, delle banche e delle assicurazioni (come AXA, che esce da una ristrutturazione con un taglio di 650 posti di lavoro).

Un’ultima, terribile constatazione : quattro anni di governo liberal-nazionalista=160mila persone che dipendono dalla banche alimentari.

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

 

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino,  Prossimo incontro a Torino 13-07-2019, dalle 13,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34
  • Bologna- 16/06/2019 , dalle 10,00 alle 13,00 Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la Casa del Popolo "20 Pietre" - via Marzabotto, 2, 40133 Bologna
  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'