Nostri lutti

Ciao, Libero!

E così, anche Libero ci ha lasciati – un altro mirabile compagno della “vecchia guardia”, militante tanto indomito quanto umile, e fedele al nostro Partito attraverso tutti i momenti della sua vita contro corrente, anche quelli più complicati e tribolati. I compagni della sezione di Milano se lo ricordano bene, con quel suo raro calore umano, quella sua trascinante allegria, quella sua immediatezza nei rapporti umani, quella lucidità nel trasmettere ad altri (soprattutto ai giovani) la sostanza del marxismo, l'essenza delle posizioni del partito. Da tempo, una serie di acciacchi gli avevano prima limitato e poi precluso la frequentazione regolare della sezione, ma ancora un anno fa l'abbiamo visto, con gioia e ammirazione, arrivare a fatica nella sede di via dei Cinquecento, in occasione di una conferenza pubblica: l'abbraccio che ricevette da tutti fu la migliore dimostrazione del legame solidale che lega solo chi milita in un partito come il nostro e di che cosa voglia dire la scritta che campeggia sulla parete della sede e che tutti i compagni devono imprimersi nel cuore: “è compagno militante comunista e rivoluzionario chi ha saputo dimenticare, rinnegare, strapparsi dalla mente e dal cuore la classificazione in cui l'iscrisse l'anagrafe di questa società in putrefazione, e vede e confonde se stesso in tutto l'arco millenario che lega l'ancestrale uomo tribale lottatore con le belve, al membro della comunità futura, fraterna nella armonia gioiosa dell'uomo sociale”.

Libero Roncagli era nato nel 1928, in una famiglia di militanti comunisti che avevano partecipato alla fondazione del PCd’I a Livorno nel 1921 e quindi a più riprese conosciuto le patrie galere (il padre morirà per le conseguenze della detenzione e del confino quando Libero aveva pochi anni). Giovanissimo, aderì ad alcune formazioni partigiane in Emilia e in Lombardia, facendo anche parte, in seguito, di gruppi come la Volante rossa del Corvetto, a Milano. Iscritto inizialmente al PCI, in tale veste fu mandato dal partitaccio di Togliatti a “dare una lezione a quei fascisti che dicono di essere comunisti”: cioè a noi, nella sede di allora, in via Pomposa, sempre al Corvetto. Ma, proprio in quell’occasione, la chiarezza delle nostre posizioni, il nostro richiamo a tutta la tradizione comunista, la nostra lotta per la preparazione rivoluzionaria della nostra classe, gli aprirono gli occhi e si riconobbe nel nostro Partito, ricostituitosi da pochi anni proprio sulle posizioni del PCd’I di Livorno. Operaio alla Moto Meccanica di via Mincio, fu in prima linea nelle agitazioni dell’immediato dopoguerra che condussero all’occupazione della fabbrica: un braccio di ferro con padronato, autorità e “forze dell’ordine” (gli operai costruirono perfino due autoblindo, disponendole all’ingresso della fabbrica) che durò una settimana. Libero ricordava sempre con gran divertimento la lista degli operai da licenziare, esposta dalla direzione e redatta in rigoroso ordine alfabetico: con però, al primo posto, il suo nome, Roncagli, e quello di un altro compagno, Santin (Mariotto, per i compagni, che per molti anni avrebbe militato nelle nostre file). E ricordava, ai giovani compagni che quell’epoca non avevano conosciuto, il quotidiano, aspro scontro in fabbrica con gli stalinisti del PCI: i quali non andavano certo per il sottile, arrivando a minacciare di buttare lui e Mariotto nell’altoforno (al che i due compagni risposero di farsi pure avanti… mostrando le armi di cui erano ancora in possesso, in quel dopoguerra ben diverso dall’attuale, falsamente pacificato)…

Libero diceva sempre di voler vivere abbastanza da vedere la bandiera rossa sventolare sulla Porta di Brandeburgo a Berlino, e la notizia della ripresa del nostro lavoro in Germania l’aveva riempito di gioia. Purtroppo non ce la fatta, a vederla: ma noi continuiamo il lavoro, con affetto e gratitudine per lui e per tutti i compagni di tutte le “vecchie guardie”, sicuri che, al momento opportuno e grazie all’azione continua del partito “a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco”, quell’evento si verifichi.

 

Partito comunista internazionale

                                                                          (il programma comunista)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'