Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Sabato, 24 Agosto 2019

Alla SDA di Roma: lotta di difesa economica e attacco squadristico sindacal-padronale

Al presidio del 19 maggio, i facchini SDA di Roma, scesi in sciopero organizzati dal sindacato Si.Cobas, contro i licenziamenti e in solidarietà con i lavoratori di Bologna, hanno subito un duro attacco da parte di una ventina di crumiri armati di spranghe, decisi a forzare il blocco dei cancelli. Quattro lavoratori sono rimasti feriti. Secondo le grandi centrali sindacali Cgil, Cisl, Uil (trasporti), che hanno sostenuto e organizzato l’opera di crumiraggio armato, alla base della vicenda sarebbe stata “l’esasperazione della lotta portata avanti da un piccolo sindacato insignificante” (così nel comunicato emesso in seguito!).

Si tratta di una vera e propria provocazione contro i lavoratori e a sostegno dei padroni. La situazione disperata è quella che i facchini da anni stanno vivendo, e certo non quella che essi causano lottando per difendere le condizioni di vita e di lavoro proprie e delle loro famiglie. In piena concordia, dunque, sindacati di regime e sbirri, poliziotti e crumiri, si sono impegnati a “gestire” lo scontro di classe. I lavoratori sanno da sempre che “alla solidarietà dei compagni in lotta si risponde con la solidarietà di lotta”, che alla divisione cui sono costretti dallo Stato e dai padroni si risponde solo e unicamente con l’unità delle forze. Le aggressioni contro i lavoratori non sono nuove e non si arresteranno, perché sempre più miserabili si fanno le condizioni di vita, sempre più pesanti diventano i licenziamenti, e quindi sempre più necessarie dovranno diventare le lotte a oltranza. La disoccupazione, la precarietà, la flessibilità, la miseria si generalizzeranno e non resterà altro, per sopravvivere, che lottare. Le attuali corporazioni che hanno nome Cgil, Cisl, Uil da tempo non sono più organizzazioni di difesa dei lavoratori (lo si comprende sempre meglio, nei fatti!), ma strutture portanti dello Stato, subordinate a esso: sono già quel “sindacato unico” che il governo mira a far risorgere, il sindacato della classe dominante. D’altronde, un’unica corporazione sindacale o molteplici corporazioni non fanno la differenza, se hanno la stessa finalità, quella dello sfruttamento della classe operaia: unitarie o trinitarie, di categoria, di reparto o di officina, finché sono unità produttive che servono, nei modi più diversi, a estorcere il profitto sono istituzioni nemiche, disposte a firmare ogni miserabile accordo, ogni contratto, purché siano salve l’economia nazionale, la proprietà dei mezzi di produzione, delle materie prime e delle merci, e soprattutto sia libera d’essere sfiancata e sfruttata la classe operaia, per ottenere quel profitto di cui Stato e padronato hanno estremamente bisogno.

Concertazione dopo concertazione, da anni le lotte sono state svendute e con esse la stessa unità dei lavoratori. I lavoratori sanno per esperienza che non ci sono, non possono esserci, “diritti e dignità” in una società di sfruttatori, così come intuiscono che in una società in cui sia cessato per sempre lo sfruttamento non si ha bisogno di proteggersi con “diritti e dignità”, parole vuote e senza senso. Sette anni di crisi di sovrapproduzione hanno accresciuto la miseria e la disoccupazione, ridotto e bloccato i salari, tagliate le pensioni: gli scioperi sono stati completamenti negati o trasformati in passeggiate farsa.

Quanto accaduto a Roma conferma che siamo di fronte alla necessità di lotte sempre più estese e che Stato e padroni sono pronti alla più dura repressione: l’organizzazione, gli obiettivi, i metodi di lotta, la loro generalizzazione, la loro estensione nel tempo e nello spazio, devono essere messi al centro di una mobilitazione collettiva di difesa e di attacco.

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

International Press

 

                    

            

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Torino,  Prossimo incontro a Torino 13-07-2019, dalle 13,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34
  • Bologna- 16/06/2019 , dalle 10,00 alle 13,00 Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la Casa del Popolo "20 Pietre" - via Marzabotto, 2, 40133 Bologna
  • Milano - 07/06/2019 , ore 17,30, Presentazione del V volume della "Storia della Sinistra comunista - maggio 1922/febbraio 1923" presso la "Libreria Odradek" - via Principe Eugenio 28 (tram 12, fermata MacMahon-Principe Eugenio, M5 Fermata Cenisio).

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'