Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Venerdì, 26 Maggio 2017

Contro tutte le guerre imperialiste

Non servono molte parole: solo patetici illusi non riescono a vedere che, nelle profondità dell'economia capitalistica in crisi da decenni fra alti e bassi, si sta preparando un nuovo conflitto generalizzato, ancor più devastante delle due guerre mondiali passate e delle innumerevoli “guerre minori” che le hanno precedute e seguite.

A volere quel conflitto non sono Donald Trump o Kim Jong-un (o altri futuri burattini), anche se oggi fanno la voce grossa e mostrano i muscoli. Le guerre imperialiste non sono il risultato della “volontà di potenza” o della “follia omicida” di questo o quel “dittatore” (o – peggio ancora – di questo o quel “popolo”). Sono il prodotto delle dinamiche stesse del capitale, che è obbligato a ricorrervi nel tentativo di rimettere in moto, attraverso la distruzione di ciò che s’è prodotto in eccesso (forza-lavoro inclusa), il meccanismo inceppato dell'accumulazione.

 

Nell'epoca dell'imperialismo, non ci sono “paesi aggressori” e “paesi aggrediti”, “Stati canaglia” e “Stati amici”: ad aggredirsi l'un l'altra sono le varie borghesie nazionali che continuano così – con mezzi sempre più spietati ed estremi – la “pacifica” competizione (leggi: guerra commerciale!) su cui si fonda il modo di produzione capitalistico. Appunto: le due guerre mondiali e le decine e decine di conflitti “minori” dovrebbero averlo insegnato! Davanti al prossimo conflitto che si prepara, non un solo proletario, non una sola proletaria, al servizio degli interessi delle classi dominanti, dei loro Stati, dei loro eserciti!

Le “patrie”, le “nazioni”, le “religioni” lasciamole ai borghesi (e ai loro fedeli servitori piccolo-borghesi), che se ne servono per spedire i proletari a massacrarsi in loro nome sui fronti di guerra. Noi non abbiamo “patrie” o “nazioni” da difendere, o “religioni” da propagandare: la nostra guerra può solo essere la guerra di classe, di proletari contro borghesi, per conquistare infine il potere e dar vita alla società senza classi, senza sfruttati e sfruttatori.

Organizziamoci dunque fuori delle galere del lavoro salariato, unendo occupati e disoccupati, precari, giovani e anziani, in organismi territoriali di lotta proletaria aperti a tutti senza distinzione di sesso, nazionalità, categoria, appartenenza politica, come base per la rinascita di un reale sindacalismo di classe. E’ il primo passo indispensabile per difenderci oggi dagli attacchi del capitale (dei padroni, dello Stato e delle sue bande armate legali e illegali, dei sindacati di regime), rompere l’unità nazionale e opporsi alle politiche guerrafondaie di tutti i governi, e abilitarci a muovere domani all'assalto del potere borghese. Ma per raggiungere quest’obiettivo è di fondamentale importanza lavorare al rafforzamento e radicamento del partito comunista internazionale, la guida indispensabile del processo rivoluzionario. Non c’è tempo da perdere!

1 maggio 2017

Pubblicazioni recenti

     

 


Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'