Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Martedì, 14 Agosto 2018

Alla vigilia dell'intervento: Fermi al nostro posto (Il Socialista, 22/5/1915); Il "fatto compiuto"(Avanti!, 23/5/1915)

 

 

Presentiamo insieme i due articoli (25 e 26), molto importanti perché stabiliscono la posizione dei socialisti contrari alla guerra nel momento in cui la guerra fu dichiarata dal governo italiano. Il primo é del giornale napoletano del Partito che notoriamente seguiva l’indirizzo estremo della Sinistra. Il se­condo é dell’«Avanti!», che non avendogli apposto premessa o commento mostra di farlo proprio a nome di tutto il Partito e della sua Direzione.

L’argomentazione é ben chiara ed è quella opposta alla prassi tradi­zionale di tutti gli opportunisti, secondo i quali, quando una «campagna» ha avuto esito sfavorevole, si pronunzia il famoso motto: «vista la bat­taglia perduta...» e si passa a cambiare colore a tutte le proprie affermazioni.

La Sinistra nell’ora decisiva stabili con estrema chiarezza che per noi nulla era mutato né nella nostra dottrina e nei nostri principi, né nella nostra azione e posizione politica. Niente concordia nazionale come ieri, nien­te difesa della patria come ieri, piena lotta di classe contro la classe bor­ghese e il suo Stato parlamentare-militaresco come ieri.

I due articoli gettano sulla faccia dei nostri avversari tutta la falsità e l'infamia delle loro posizioni. Nel secondo di essi si ribadisce ancora una volta il concetto che il neutralismo non era che un infelice vocabolo della politica pratica che si riferiva alla posizione del nostro eterno nemico: lo Stato.

La Stato ha invertito la sua posizione nel quadro dei rapporti tra gli Stati, la nostra non cambia contro tutti gli Stati capitalistici e, come Marx dettò, in primissima linea contro il nostro Stato interno, l’italiano.

 

 

 

FERMI AL NOSTRO POSTO

(Il Socialista» di Napoli, n. 35 del 22-5-1915)

 

La guerra é decisa. Come più volte avevamo preveduto, si lancia a noi socialisti l’appello ipocrita alla solidarietà nazionale in nome della patria in pericolo.

Noi siamo di quei socialisti che nel loro convinto internazionalismo non lasciano posto per la superstizione della patria. E perciò, se anche credessi­mo sincero e leale l’appello che ci viene dai nostri nemici di ieri, se anche ritenessimo il governo nazionale innocente della guerra, se anche ammet­tessimo la buona fede e il disinteresse di tutti i fautori dell’intervento, nono­stante tutto ciò resteremmo, in nome dei nostri principi e della nostra fede, tenaci assertori della discordia di classe, che ponendo i servi contro l’op­pressione dei padroni é l’unica feconda opera diretta a un avvenire migliore.

Ma l’appello alla concordia nazionale provoca ancora di più il nostro sdegno per tutto il sistema di menzogne, di viltà e di sopraffazioni che ve­diamo impiegato allo scopo di creare un artificiale entusiasmo popolare per la causa della guerra.

Le manifestazioni della volontà proletaria indette dal nostro Partito sono state soffocate con la violenza, mentre si lasciava libero campo alle gazzarre interventiste. Mentre la borghesia aveva tutti i grandi quotidiani dediti a gonfiare le chiassate studentesche ed a celare e diffamare la pro­testa operaia, si sono perfino intercettate all’unico quotidiano nostro le notizie dei comizi socialisti. E noi dovremmo accettare l'invito di associarci all’inno per la guerra liberatrice e democratica?

Noi dovremmo mostrare di credere alle menzogne ufficiali, con cui si giustifica l'intervento a base di frasi retoriche, mentre la storia ci dimostra una volta di più che la politica degli stati borghesi ed in particolare dello Stato italiano é un tessuto di ipocrisia e di cinismo?

Le dichiarazioni di Salandra non ci hanno commosso più di quanto ci commuovessero a sua tempo quelle del governo del Kaiser.

Queste, anzi, avevano il pregio di una maggiore sincerità.

L'Italia scende in campo in difesa del diritto conculcato?

Ma allora dovevate marciare nell’agosto, quando volevate invece fare la guerra a favore degli austro-tedeschi. L’ultimatum austriaco alla Serbia danneggiava gli interessi italiani? Ma voi non avete denunziato che dieci mesi più tardi l’alleanza trentennale che vi ha reso dinanzi alla storia complici degli imperi tedeschi.

L’annessione austriaca della Bosnia-Erzegovina perché non ridestò la vostra protesta? Forse perché eravate impegnati alla vostra volta nel bri­gantaggio libico? Avete invece atteso di avere dinanzi un nemico avvi­lito e sfibrato per dar fiato alle tube della retorica. E, se oltre il con­fine orientale vi fossero terre non italiane di lingua e di razza, la mo­narchia e lo Stato italiano, pesato l’attivo e il passivo dell’affare, dareb­bero sfogo egualmente alle loro ingordigia di ampliamento territoriale, così come fanno per Valona e le isole del Dodecanneso, che spetterebbero a nazioni non belligeranti.

Non é il principio di nazionalità che dovete invocare, ma il diritto del più forte.

Non Garibaldi dovete rievocare, ma Ninco Nanco.

Ma spingete pure al massimo la tregenda delle menzogne! Noi non saremo giammai i complici vostri!

 

 

IL «FATTO COMPIUTO»

(Avanti!» del 23-5-1915)

 

 

Era inevitabile. Nel tragico svolto della storia, che dalla neutralità ci porta nella guerra, le mezze coscienze si sono già confezionato l’alibi, per coonestare la defezione. Dopo aver fatto tutto il proprio dovere per evitare la guerra, sarebbe dovere dei socialisti di «accettare il fatto compiuto» e raccogliere l'invito alla cooperazione nazionale dei partiti per la vittoria delle armi d'Italia!

Tutto il proprio dovere?

Cominciamo col dire che quelli - speriamo resteranno in pochissi­mi - che si gettano ora con tanta fretta dall’altra parte, senza neppure attendere che la guerra vera sia iniziata, sono quei tiepidi neutralisti che il proprio dovere non l’hanno fatto ed hanno sempre covata una segreta, ma trasparente nostalgia per le comode ideologie antisocialiste dei guer­rafondai.

E lasciamo andare, per ora, nomi e fatti. Discutiamo, piuttosto, questa equivoca ed ipocrita tesi del fatto compiuto, che, se fosse accettata, diso­norerebbe il Partito socialista e ci metterebbe in condizioni di riconoscere come giuste e meritate tutte le affermazioni di Mussolini e dei suoi com­pagni sulla nostra incoscienza e la nostra viltà.

Dopo aver assistito, tra la compiacenza del mondo borghese, allo stu­pefacente aggiogamento dei socialisti dei principali Stati d'Europa alla causa della guerra, il Partito Socialista Italiano proclamò che l’Internazio­nale non era ancor morta, e si schierò contro l’intervento dell’Italia nel conflitto a favore dell’uno o dell’altro gruppo di belligeranti.

Si disse che facevamo la propaganda della viltà, dell’inerzia, dell’as­senteismo dalla decisiva tragedia storica, ci si denunciò come complici dei cattolici, degli austriacanti, ed ultimamente di Giolitti e di von Bülow. Rispondemmo ai nostri detrattori, più e meno mantenuti dai Consolati dell’Intesa, che la guerra non aveva distrutto il socialismo, ma confer­mata la necessità che questo seguitasse a svolgere la sua azione storica con la lotta di classe, anziché annullarla cancellando i propri connotati nel­la solidarietà patriottica con lo Stato e la borghesia.

Dicemmo che la nostra campagna per la neutralità era motivata da ragioni di principio e da interessi di classe, che la distinguevano netta­mente dalla neutralità borghese e dal suo torbido retroscena.

Molti di noi - giova riconoscerlo - errarono forse nel dare il primo posto a considerazioni d’ordine contingente e nazionale, che militavano contro la tesi dell’intervento e che per pura incidenza potevano essere condivise da nostri avversari; ma tutti proclamammo che il nostro Partito, attraverso la sua propaganda antiguerresca, e difendendo la sua indipen­denza di classe da ogni seduzione, come da ogni attentato, mirava all’alto compito storico di riscattare la dignità del socialismo e preparare il ter­reno alla nuova Internazionale proletaria, compito assai più grande - e più reale - di quelli che si potevano assolvere all’ombra del vessillo na­zionale ed in combutta coi tristi farisei del patriottismo mercantile.

Questa nostra limpida e sicura linea d'azione si spezza forse oggi in limine belli, sulle soglie della guerra borghese? No. Per quanto riguarda le ragioni nazionali, le motivazioni borghesi della neutralità che per noi non erano che subordinate, sta di fatto che esse sono cadute nel vuoto, poiché il dado é tratto e non resta altro interesse per lo Stato italiano che la vittoria contro il nemico, che a sua volta minaccia in armi. E ri­saltano oggi luminosamente il pericolo e l’insidia in cui cadono quei socia­listi che ammettono come indiscutibile il dovere di difendere la patria. L’Italia non é oggi, pur avendo presa l'iniziativa di una guerra non inelut­tabile, in condizioni di difesa nazionale? Senza dubbio, dal momento che i suoi dirigenti l’hanno gettata nell’incendio dal quale ora ci invitano a trarla. Ma noi dividemmo clamorosamente le responsabilità nostre dalla folle politica militarista, e sarebbe illogico e stupido renderci prigionieri dell’arbitrio che i nostri eterni avversari hanno commesso, avvalendosi di privilegi che noi combattemmo sempre e sprezzando l’opinione delle classi lavoratrici che noi rappresentiamo.

Arrenderci quindi al crimine consumato, diventandone complici nella esecuzione, seppure ne sconsigliammo la fredda premeditazione, sarebbe assurdo, e ci condurrebbe a confessare che tutte le guerre borghesi ci a­vranno solidali dopo una platonica propaganda di pace: che al grido di guerra della borghesia noi scimmiotteremo la spudorata capriola di quei patriottoni che avranno avversata la guerra per i motivi più inconfessa­bili, salvo ad esaltarla dopo la sua proclamazione.

Anche i socialisti degli altri paesi, su cui da tanto tempo andiamo trinciando giudizi e promulgando condanne, hanno separate le loro respon­sabilità e fatto il loro dovere... fino al momento della guerra. E se noi non sapremo fare nulla più di loro, dopo aver avuto tutto il tempo di stu­diare le cause che li indussero in errore, ci copriremo di ridicolo e di ignominia.

Noi non potemmo evitare la guerra. Dovremmo perciò subirla asso­ciandoci ai suoi fautori! Così dicono quelli che nella guerra vedono una coincidenza di interessi tra tutte le classi sociali.

Ammettiamo ci sia una coincidenza forzata nell’evitare il peggio, la sconfitta; ma c'é, sotto il bandierone della tregua dei partiti, un'equa ri­partizione dei sacrifici e degli eventuali vantaggi?

Mai Più. La lotta di classe borghese contro il proletariato non solo non si sospende, ma si intensifica al parossismo, poiché lo sfruttamento econo­mico continua e culmina nel sacrificio di sangue che si chiede ai lavo­ratori in nome della patria, a cui però i capitalisti non sacrificano il frutto delle proprie speculazioni.

Si reclama la cessazione della discordia civile, pretendendo dai lavo­ratori che desistano dalla santa difesa contro un sistema di oppressione che i suoi beneficiari non sono disposti a raddolcire.

E chi riconosce giusto che il proletariato protesti contro la miseria e la fame, può osare di soffocarne l’indignazione quando addirittura si at­tenta alla sua vita? È un attentato che noi non potemmo impedire, così come non possiamo ancora impedire lo sfruttamento capitalistico per la immaturità delle forze proletarie.

Ma non per questo noi desistiamo dalla nostra incrollabile avversione al mondo presente ed alla triste realtà che permette la servitù economica e la più infame servitù militare a danno della grande maggioranza degli uomini.

Quelli che oggi non vedono altro che il comune denominatore del pa­triottismo, e perciò tacciono la propria opposizione, sono dei vinti. Meglio per essi se fossero passati in tempo all’interventismo lealmente professato. Cedendo oggi, sotto l'impeto della marea guerresca, essi dimostrano la in­certezza e la inconsistenza del loro pensiero e l’elasticità della loro coscienza.

Oggi il neutralismo, questo infelice vocabolo, che ci attirò tante calunnie, è morto. Ed appunto perciò é il momento di mostrare l'ingiustizia delle dif­famazioni di cui fummo oggetto. È oggi che, magnificamente soli contro tutta la borghesia di ogni partito, possiamo e dobbiamo mostrare che l’anti­militarismo e l'internazionalismo non sono concetti vuoti di contenuto e non sono il paravento della pusillanimità panciafichista.

Ora bisogna tener fermo contro la pressione morale di tutti i sentimen­talismi e le suggestioni, contro la pressione materiale delle persecuzioni fer­caiole. Oggi bisogna dar la prova che era giusta la nostra aspirazione all’In­ternazionale, malgrado la sua pretesa disfatta, e che il nostro neutralismo non era privo di senso storico come blateravano i guerrafondai. L’interru­zione dell’opera socialista dinanzi alle scoppio della guerra ne svaluterebbe anche i precedenti, mettendola nella luce più equivoca e disonorante.

Ancora una volta, o trepidi servitori del fatto compiuto, che vorreste farci leccare la mano che ci ha abbattuti ma non fiaccati, le due vie opposte si tracciano nette e precise.

O fuori o dentro dal preconcette nazionale e dagli scrupoli patriottici. O verso uno pseudo-socialismo nazionalista o verso una nuova Internazionale.

La posizione di chi nell’avversare la guerra non nascondeva una doppiez­za miserabile non può essere che una, oggi che la guerra é un «fatto com­piuto»: contro la guerra, per il socialismo antimilitarista ed internazionale!

 

 


 

 

 

 

International Press

 

                     

 

 

Pubblicazioni recenti

 

     

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'