Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Sabato, 17 Novembre 2018

Vita di partito

Incontro pubblico a Vienna. « Salvare la democrazia antifascista o sottoporre a critica lo Stato ? A che serve oggi la ‘critica allo Stato’ di Johannes Agnoli ? » era il titolo dell’incontro pubblico che i compagni di lingua tedesca hanno tenuto l’8 settembre presso la Amerlinghaus di Stiftgasse 8, a Vienna (per motivi tecnici, non s’è potuto annunciarla nel numero scorso di questo giornale : ma l’annuncio è stato messo puntualmente sul nostro sito). Il tema riprendeva quello già toccato nell’incontro pubblico di Berlino a metà giugno, di cui abbiamo dato notizia : partendo dalle tesi di Johannes Agnoli, intellettuale della sinistra extraparlamentare durante gli anni ’60 e ’70, i compagni le hanno analizzate criticamente, evidenziando nei fatti come si trattasse di posizioni astratte e, in definitiva, democratiche e riformiste e che per nulla potessero essere ricondotte alla dottrina marxista rivoluzionaria.

L’incontro è stato promossa sia attraverso un – seppur limitato – volantinaggio nella città in occasione di una manifestazione antirazzista che si svolgeva la mattina del giorno stesso, sia tramite le pagine Facebook del Partito e del centro sociale in cui si sarebbe svolta. Nonostante la limitata diffusione ci fa piacere evidenziare come l’argomento abbia suscitato un interesse di pubblico maggiore del solito: tra ex-trotzkisti, maoisti, social-democratici e curiosi, tra individui ormai in là con gli anni e giovani che non possono che far ben sperare, si sono contate una quindicina di persone circa. Ciò che però sottolineiamo con entusiasmo è la lunga coda dell’incontro: una discussione animata, durata oltre un’ora, che ha permesso ai relatori di ribadire con fermezza le posizioni del Partito, programmatiche e teoriche, in particolare rispetto alla differenza – che è differenza soltanto per la borghesia - tra fascismo e democrazia e rispetto alle attività “concrete” che il Partito può portare avanti oggi. Ulteriori spunti sono stati lanciati dal pubblico, fra cui la questione dei fronti di liberazione nazionale e l’esistenza di un Partito mondiale oppure di un Internazionale di partiti : ma  per questioni di tempo  non si è potuto approfondirle.

Certo, non si può non osservare che le domande sono spesso le solite e dalle domande ci si rende conto di quanto la controrivoluzione stia ancora oggi remando contro il Partito. La strada è sì lunga : ma questa è la nostra storia e questi sono i chiodi, da ribattere in ogni occasione.

Manifestazione anti-razzista a Milano. Il 28 agosto, in occasione della visita a Milano del premier ungherese Orban e del suo incontro con il guardasigilli italiano Salvini, il gruppo dei Sentinelli e varie associazioni hanno indetto un presidio in zona San Babila. La sezione di Milano è intervenuta con un volantino che riproduceva il testo dell’editoriale di questo numero de “Il programma comunista”. L’esito del volantinaggio è stato positivo (sono state distribuite tutte le 500 copie stampate), ma la sensazione è stata di sostanziale indifferenza e le occasioni di dialogo/confronto sono state pressoché inesistenti. Era presente una variegata compagine di sigle dell’associazionismo umanitario laico e cattolico (Anpi, Arci, Libera, Acli e arcobaleni vari), nonché frattaglie confederali e i rimasugli di Rifondazione e di Potere al Popolo. Il clima che si respirava era da 25 Aprile, con un tasso di antagonismo prossimo allo zero: un abbraccio generale e interclassista in nome dei “diritti umani negati”, degli eterni “valori democratici” della cara vecchia Europa, nonché dell’immancabile antifascismo ultra-democratico (di lotta di clsse manco parlarne!). I pochi immigrati sembravano essere presenti più come tappezzeria utile a ripulire le coscienze degli indigeni che come reali protagonisti della giornata. In fondo, il vero motivo di unità della piazza era l’aver finalmente ritrovato un nuovo Babau con cui sostituire l’ormai improponibile, per limiti di età e di credibilità, Berlusconi: il virgulto padano è invece una manna dal cielo per la sinistra riformista, che dopo aver riposto le proprie vane speranze nell’altro Matteo (ormai dimenticato, come il suo omologo greco Tsipras) non sa più a che santo votarsi. In effetti, la parte del nostro volantino dedicata alle “anime belle” sembrava tagliata su misura per questa piazza...

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

International Press

 

                     

            

 

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'