Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Domenica, 18 Novembre 2018

Dedicato a tutti i bolivariani...

A fronte dei frequenti richiami nostalgici di larga parte degli attuali movimenti nazional-”comunisti”, terzomondisti, no-globalisti, ecc., che si richiamano alle dottrine bolivariste alimentando buona parte dell'urlato anti-imperialismo di maniera, sarà bene ricordare che queste dottrine si erano sviluppate nel quadro delle lotte, pienamente borghesi, per la formazione di Stati nazionali indipendenti e nel quadro delle lotte anticoloniali, soprattutto anti-spagnole. Nulla avevano a che fare (né lo potevano, data l'immaturità del contesto sociale ed economico nel quale furono condotte quelle lotte) con qualcosa che potesse anche solo confrontarsi con il comunismo utopistico europeo di inizio Ottocento, figuriamoci con il socialismo scientifico di matrice marxiana!

Quanto poi a Bolivar... A leggere l'articolo “Bolivar y Ponte”, che Marx scrisse nel 1858 per The New American Cyclopedia, Vol.III 1, si scopre che la “leggenda” di Bolivar fu in realtà una costruzione postuma dei suoi sostenitori. Nelle sue battaglie contro le forze spagnole (quasi sempre in forte minoranza di uomini ed armi), costui sembra essere stato generalmente propenso alla fuga, tanto da meritarsi, da parte del generale Manuel Piar (il conquistatore della Guyana), l'appellativo di “Napoleone della ritirata” e la minaccia di trascinarlo davanti alla corte marziale come disertore; e ciò valse a Piar, anni dopo, la condanna a morte. Le vittorie militari sugli spagnoli, che alla fine vi furono, si dovettero all'arrivo di ufficiali democratici da tutta Europa (soprattutto inglesi, ma anche irlandesi, francesi, tedeschi e polacchi), pronti a combattere per la liberazione americana. Secondo Marx, il bolivarismo non fu altro che “la trasformazione dell'intero Sud America in una repubblica federativa, di cui lui stesso sarebbe stato il dittatore”. Quando un'assemblea di Caracas si pronunciò per la separazione del Venezuela dalla Colombia, il Generale si mise per l'ultima volta (marzo 1830) alla testa di 8.000 uomini per sedare la rivolta. Ma presto “il suo coraggio crollò”; gli fu garantita una pensione annua, a condizione che partisse per qualche paese estero; una condizione che fu accettata, ma di cui non poté usufruire a lungo: morì alla fine di quell'anno. Scrivendo a Engels a proposito di Bolivar 2, Marx diceva: “Vedere celebrato come Napoleone I il più vile, il più volgare e il più miserabile straccione, era un po' troppo”...

Senza bisogno di commenti.

1Oggi in Marx-Engels Werke, Band 14, pp. 217-231.

2Marx-Engels, Opere complete, Vol.40, Roma, p.294.

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

 

International Press

 

                     

            

 

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'