Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Venerdì, 15 Dicembre 2017

Giustizia sarà fatta!

Nel testo teatrale di Bertolt Brecht L’eccezione e la regola, i personaggi (il mercante, la guida, il portatore), rappresentanti della borghesia mercantile, della classe media e del proletariato, sono in viaggio: percorrono deserti, attraversano fiumi, affrontano pericoli immensi. Durante il viaggio, il mercante, nella sua tenda, è stanco e rischia di morire di sete perché non ha più acqua nella borraccia: il portatore, che pure ha subito violente frustate e angherie per tutto il viaggio, spinto dalla pietà si reca nella tenda del mercante per porgergli la sua borraccia perché possa bere. Al che, temendo che il portatore voglia ucciderlo, il mercante rapidamente estrae la pistola e lo uccide. Il processo, richiesto dalla moglie del portatore, si conclude con la liberazione del mercante in quanto – sentenzia il giudice – “la regola è che il portatore, per la sua stessa condizione di sfruttato e anche per le offese subite, debba uccidere il mercante, la sua pietà non è prevista, è l’eccezione”: aspettandosi di essere ucciso, il mercante uccide il portatore “per legittima difesa”. Dunque, assoluzione piena per lui: giustizia è fatta!

Altra sceneggiatura (da Il Sole 24 ore del 5/9, p.22). La Corte di Cassazione boccia inesorabilmente il ricorso di una donna che, a causa del suo stato di bisogno, si è allacciata abusivamente alla rete elettrica “senza rompere o trasformare la destinazione del cavo elettrico”, dice la sentenza: dunque, senza devastazione della proprietà dell’azienda elettrica. Tuttavia, la frode viene confermata, perché l’allaccio abusivo alla rete in qualunque modo effettuato fa scattare l’aggravante (furto aggravato). E lo stato di miseria che ha spinto la donna? Be’, le condizioni presentate a propria discolpa dalla donna, sfrattata e priva di lavoro con una figlia incinta, “non hanno alcun valore”, afferma il giudice. La donna è colpevole: non si può invocare lo stato di necessità per un bene “non indispensabile” come l’elettricità. Per essere considerato “stato di necessità”, si sarebbe dovuto dimostrare la presenza di un rischio grave per la sua persona. Ma non c’era alcun pericolo, visto che non poteva utilizzare l’energia elettrica (!); anzi, che questa veniva utilizzata per uso domestico – ciò che, semmai, produceva agi e opportunità (!). Pertanto, l’imputata è condannata al pagamento delle spese giudiziarie e di 2000 euro da versare alla Cassa ammende. La legge borghese dice dunque: “Crepate di freddo, miserabili, tu, tua figlia e il bambino in grembo! Tornatevene nella vostra buia stamberga! L’energia elettrica è mia, quel calore che serve a riscaldare il vostro cibo è mio, non potete allacciarvi alla mia rete”. E che giustizia sia fatta!

Proletari, prendete nota. La giustizia o la fa la classe dominante o dovrete farla voi, prendendo il potere e instaurando rapporti economici e sociali ben diversi da quelli della giungla capitalistica!

 

Partito comunista internazionale

                                                                          (il programma comunista)

International Press

 

                     

 

 

Pubblicazioni recenti

 

     

 


Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'