Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Lunedì, 21 Agosto 2017

Buffonate in salsa democratica

Il 2016 s'è chiuso, in tutto il mondo, all'insegna delle buffonate: referendarie, elettorali – in una parola, democratiche (e non c'è dubbio che il 2017 che si apre non farà che proseguire lungo la stessa strada). C'è stata la cosiddetta Brexit, benedetta da una consultazione popolare. C'è stata la proposta di sottoporre a referendum la continuazione o meno della vasta ma caotica mobilitazione di molti settori di lavoratori francesi contro la “Loi Travail”. C'è stato il grande baraccone elettorale statunitense, su cui ci siamo soffermati troppe volte, oggi e in passato, per tornarci su senza provare subito il voltastomaco. C'è stato il sublime referendum italiano sul “sì/no” alle cosiddette “modifiche costituzionali”. Ci sono stati altri esempi di “democrazia dall'alto”, pardon!, “dal basso”, in giro per il mondo – troppi per elencarli e... celebrarli tutti come si deve. Insomma, galoppa la democrazia!

Però, però... I “sinceri democratici” si svegliano sempre più, il mattino dopo, con il mal di testa dell'ubriacatura molesta: questa loro riverita democrazia, più o meno nata dalla Resistenza a seconda dei casi, li sta maltrattando a ogni piè sospinto. Guardate la Gran Bretagna: “abbandoniamo la UE”, gridano le urne; e il giorno dopo tutti a chiedersi: “Ma che cosa abbiamo fatto? Era proprio il caso di affidare decisioni così delicate all'opinione popolare?”. Oppure, negli USA: “votare per Clinton e per Trump?”. “Trump!”, è stato il responso democratico; poi, tutti a chiedersi “E adesso? che succederà mai”. Infine, l’Italietta: “vince il No! Renzi a casa!”, titolano più o meno i giornali di mezzo mondo, e così festeggiano nelle strade i gonzi iper-democratici; poi, nel giro di pochi giorni, ecco il bel “Gentiloni”, recitato – a scorno degli utili idioti la cui madre è sempre incinta – da Renzi-cloni... E, per ora, tanto basti.

In un godibile articolo pubblicato sull'autorevole Sole-24ore del 16/11/2016 (autorevole perché espressione della Confindustria e dunque del Capitale nazionale italiano), il povero Joseph Stiglitz, economista premio Nobel e opinionista di vaglia per tutto il mondo “sinceramente democratico”, leva alti lamenti post-elezioni USA, sulla miserevole situazione in cui versano tutti coloro che credono ancora nella democrazia. Scrive Stiglitz: “Se uno dice di sentirsi filosofico e distaccato dopo queste elezioni o sta mentendo oppure ha dei seri problemi. E’ un disastro su molteplici livelli e i danni si faranno sentire per decenni, se non per generazioni. E come tutti quelli che si sono schierati dalla mia parte di questo dibattito, provo un dolore travolgente… ho trascorso gran parte della giornata dopo il voto ad ascoltare musica, fare esercizio fisico, leggere un romanzo, sostanzialmente prendermi una vacanza mentale. E’ inevitabile sentirsi stanchi e frustrati dopo un rovescio del genere”.

“Poveretto, come soffre!”, commentiamo noi, rubando uno slogan pubblicitario famoso parecchi decenni fa. Tutte le illusioni, le romantiche convinzioni, s’infrangono come una barchetta di stuzzicadenti contro gli scogli duri e taglienti di… una consultazione democratica! E con lui soffrono i “sinceri democratici”, perché non vogliono (non possono) capire che la democrazia è il miglior involucro del dominio del Capitale – ma è sempre e solo un involucro. La sostanza che ci sta dentro è, per l'appunto, il dominio. Non solo: nel tempo, nel progredire della fase imperialista del capitale, quell'involucro s'è fatto via via sempre più rigido, corazzato, militarizzato. Dittatoriale. E obbediente a quelle che sono le necessità del Capitale. Ed è questa la realtà che tutti i “sinceri democratici” non possono e non vogliono riconoscere: altrimenti, che ci starebbero a fare? e soprattutto, che cosa potrebbero fare? Sempre “ascoltar musica, fare esercizio fisico, leggere un romanzo, sostanzialmente prendersi una vacanza mentale” (e perché no un po’ di yoga o di meditazione trascendentale?)? Sai che palle!

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Pubblicazioni recenti

     

 


Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'