Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Martedì, 14 Agosto 2018

L'integrazione del '68 nello Stato del capitale – A che cosa serve oggi la “critica allo Stato” di Johannes Agnoli?

Incontro pubblico: 16/06/2018, 17h • K9 (cortile interno), Kinzigstrasse 9, 10247 Berlin-Friedrichshain

Nella Repubblica Federale Tedesca post-fascista, con i suoi ex nazisti, la persecuzione dei comunisti, il Partito Socialdemocratico (SPD) e il suo “programma di Bad Godesberg” e con la distruzione di quasi tutta la continuità rivoluzionaria da parte di stalinisti, fascisti e democratici, Johannes Agnoli fu colui che, 50 anni fa, con la sua analisi della democrazia interna alle associazioni e dell'istituzionalizzazione dei conflitti sociali, diede l'impulso teorico per la critica allo Stato dell'opposizione extraparlamentare (APO).

Il pluralismo alternativo con il quale l'APO voleva confrontarsi con il “sistema” portò, in un contesto di totale dominio dell'economia capitalista, dell'ideologia borghese, ed infine di forme di partecipazione politica prestabilite (il riformismo, la logica del “male minore” e l'ideologia dell'antifascismo democratico), all’integrazione nel sistema e all'ammodernamento politico-culturale della Repubblica federale tedesca.

Ancora oggi, a 50 anni di distanza dal 1968, le tesi di Agnoli godono di grande popolarità nell'ambito della “sinistra”. Ma anche oggi si ripresenta un problema centrale del '68, sul quale vogliamo confrontarci: il fatto che, da una parte, le posizioni critiche nei confronti di Stato, democrazia e parlamentarismo vengono sostenute in modo astratto, mentre nella pratica molti sostenitori/sostenitrici si comportano in modo opposto e di fatto diventano sostenitori dello Stato, della nazione e del capitale. In questo modo, alla luce di un ipotetico pericolo fascista, i “sinistri” fanno fronti popolari con le forze borghesi fino addirittura all´aperto sostegno elettorale (per esempio, SYRIZA in Grecia, Podemos in Spagna, Potere al Popolo in Italia, e il partito “die Linke” fino ad arrivare all'SPD in Germania).

Piuttosto che “rimanere indietro rispetto ad Agnoli ” o “limitarsi a superarlo”, criticare da sinistra lo Stato significa, sia in teoria che in pratica, criticare fin dalle fondamenta i rapporti sociali: partendo dalla realtà di una società classista, dalla condizione di crisi insita nel capitalismo, dagli attacchi giornalieri alle nostre condizioni di vita e di lavoro, e dal crescente pericolo di guerra mondiale, fino a sfatare i miti borghesi di “principio democratico”, “antifascismo democratico”, “democrazia parlamentare”, “legalismo”, “separazione dei poteri”, “libertà di stampa”, “liberalismo”, ecc., e così arrivare alla preparazione della lotta di classe proletaria aperta contro tutte le istituzioni borghesi e statali. Queste sono le posizioni classiche del Marxismo, alle quali la Sinistra Comunista, nei suoi quasi 100 anni di battaglia teorica e pratica, si riallaccia.

International Press

 

                     

 

 

Pubblicazioni recenti

 

     

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'