Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@partitocomunistainternazionale.org
Contatti
Martedì, 25 Settembre 2018

PRIMO MAGGIO 2018: Respingere l'attacco anti-proletario. Imparare a difendersi per prepararsi a vincere

Ovunque nel mondo, i proletari sono sotto attacco. I borghesi e i loro mezzi di disinformazione di massa sostengono che “si è usciti dalla crisi”. Ma, mascherata da precariato, la disoccupazione non smette di aumentare. Ritmi e condizioni di lavoro peggiorano di continuo. I veri e propri omicidi di massa di proletari in fabbrica, nei cantieri, sulle strade, nelle campagne toccano cifre impressionanti. Quel che si paga in affitti (quando si riesce a trovare un buco in cui vivere!), in vitto, gas e luce (che, insieme a un tetto, sono necessità primarie!), in trasporti (per andare al lavoro o per cercarne uno!), finisce per strangolare. Le quotidiane condizioni di vita diventano sempre più difficili e disperanti, pesano in maniera opprimente su singoli, coppie, giovani e vecchi.

Magistratura e “forze dell'ordine” si accaniscono sui proletari in lotta, vietano o caricano i picchetti, elaborano sempre nuove misure di repressione e intimidazione, agiscono in maniera terroristica contro chi difende ciò che negli anni è stato strappato con battaglie lunghe e difficili. Sindacati di regime e partiti riformisti e parlamentari sono da tempo colonne dell'“ordine costituito” e operano solo per difendere gli interessi del Capitale, dello Stato e della Nazione. Le superstizioni nazionaliste e religiose pesano poi come macigni: illudono i proletari di trovare una via d'uscita alla disperazione e al terrore quotidiani e contribuiscono a tenerli separati e contrapposti, per indebolirli al momento della lotta necessaria. A questo quadro tremendo, s'aggiungono le imprese, individuali o di gruppo, di squallidi razzisti e neo-fascisti, che agiscono come miserabile manovalanza in difesa degli interessi borghesi, diffondono terrore e divisioni all'interno delle file dei proletari, attaccano i più sfruttati, i più indifesi, i più ricattabili: quella crescente schiera di migranti in fuga dai disastri e dagli omicidi di massa che da decenni e decenni tutte le potenze imperialiste stanno producendo in Africa e Asia. E infine, dunque, le guerre: in una fascia che copre la riva sud ed est del Mediterraneo, dal Marocco alla Siria, con ramificazioni che arrivano all'Ucraina da una parte e all'Afghanistan e allo Yemen dall'altra, gli artigli insanguinati di tutti gli imperialismi (USA e Israele, Russia e Gran Bretagna, Francia e Italia, Germania e Cina, Iran e Turchia, Arabia Saudita ed Egitto, e via di seguito) penetrano nelle carni di proletari massacrati, bombardati, bruciati, gasati. Sono guerre per controllare fonti energetiche, guerre di posizionamento strategico, guerre imperialistiche, che alla lunga preparano un nuovo conflitto generalizzato – quella guerra mondiale che già due volte ha devastato il mondo, l’ultima risorsa del Capitale per uscire dalle proprie crisi strutturali.

Di fronte a tutto ciò, il proletariato – oggi diviso, disilluso, intimorito – deve ritrovare la strada della lotta aperta contro tutte le istituzioni borghesi. Deve riacquistare una propria totale autonomia, organizzativa e politica. Deve combattere per darsi stabili organismi territoriali di difesa delle proprie condizioni di vita e di lavoro. Deve tornare a sentire l'enorme forza che possiede quanto a numero e internazionalità, organizzandosi contro ogni divisione, ogni ingannevole illusione, ogni ipocrita richiamo dei sindacati di regime, dei partiti costituzionali, di questo o quello Stato, di questa o quella Nazione o prospettiva nazionalista. Soprattutto, deve comprendere di non avere alcun amico fra tutti i predoni, nazionali e internazionali, rifiutando fin da ora di schierarsi con questa o quella parte in conflitto.

Al suo fianco nelle dure battaglie che si preparano, noi comunisti operiamo perché questa prospettiva diventi ogni giorno più chiara: perché, nelle inevitabili lotte di oggi e di domani, si riapra, dopo quasi un secolo di sconfitte e tradimenti, la via verso una società senza classi, senza sfruttamento, senza guerre – verso il comunismo.

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

 

 

International Press

 

                     

 

 

Pubblicazioni recenti

 

     
       

 


Facebook
Pin It

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'